Navigation

Cosa cambia dal primo gennaio 2021 sulle strade svizzere

Anno nuovo, regole nuove, anche in materia di circolazione stradale. Keystone / Laurent Gillieron

Dal primo gennaio 2021 entrano in vigore diverse nuove disposizioni del codice stradale svizzero. Tutto quello che c'è da sapere.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 dicembre 2020 - 12:58

Ad essere toccati dai nuovi provvedimenti non sono solo gli automobilisti, ma anche ciclisti e pedoni.

Corridoio d'emergenza

In autostrada, il cosiddetto corridoio d'emergenzaLink esterno per agevolare il passaggio di veicoli di soccorso diventa obbligatorio. Gli automobilisti dovranno crearlo spontaneamente al centro delle corsie, evitando di invadere quella d'emergenza. Su un'autostrada a tre corsie, i veicoli al centro e a destra dovranno spostarsi a destra e quelli sulla corsia di sinistra dovranno chiudere sulla sinistra.

Immissione a cerniera

Quando una corsia dell'autostrada viene chiusa, dovrà essere applicato il principio dell'immissione a cernieraLink esterno. Le due corsie dovranno essere sfruttate fino all'ostacolo e i veicoli che si trovano sulla corsia non chiusa dovranno dare in modo alternato la precedenza a quelli provenienti dalla corsia chiusa.

Superamento a destra

In caso di code, rallentamenti o incidenti, gli automobilisti saranno autorizzati a superare sulla destraLink esterno i veicoli che viaggiano a sinistra. Tuttavia, il sorpasso (superare e rientrare) da destra resta vietato e punibile.

Le roulottes potranno viaggiare a 100 km/h

Sulle autostrade svizzere, la velocità massima autorizzataLink esterno per trainare un rimorchio o una roulotte (fino a 3,5 tonnellate) passerà da 80 a 100 km/h. Il carico rimorchiato non dovrà superare il limite di peso indicato nella licenza di circolazione del veicolo trainante.

Bevande alcoliche nelle aree di ristoro

Finora vietata, la vendita di bevande alcoliche negli autogrill sarà autorizzata.

Svolta a destra

Ai semafori rossi, biciclette e ciclomotori potranno - a determinate condizioni e se indicato - svoltare a destraLink esterno. Il sistema è stato sperimentato a Basilea nel 2016 e il progetto ha dato esiti soddisfacenti, indica il Touring Club svizzero.

Zona d'attesa per i ciclisti

In futuro, davanti ai semafori, le città potranno allestire una zona d'attesa per i ciclisti, delimitata da una segnaletica orizzontale (al suolo), anche quando non vi è una pista ciclabile. Il fatto di permettere ai ciclisti di mettersi davanti agli altri utenti, permetterà loro di essere più visibili, e questo ridurrà i rischi legati alla partenza.

In bici sui marciapiedi fino a 12 anni

D'ora in poi, per i bambini fino ai 12 anni, sarà possibile circolare in biciclettaLink esterno sul lato destro dei marciapiedi, se lungo il tratto stradale percorso non sussistono piste o zone ciclabili. Dovranno però dare la precedenza ai pedoni.

Posteggio a pagamento per due ruote

Le biciclette elettriche rapide (45 km/h), i motocicli e i ciclomotori potranno essere sottoposti al posteggio a pagamento.

Al volante dai 17 anni

Infine, dal primo gennaio entreranno in vigore diverse modifiche del sistema per ottenere la licenza di condurre.

Il permesso di allievo conducente per le autovetture (categoria B e BE) potrà essere ottenuto già a partire dai 17 anni compiuti. I nuovi conducenti potranno presentarsi per l'esame al compimento dei 18 anni, sempre che abbiano già al loro attivo un anno di guida accompagnata.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 31.12.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.