La televisione svizzera per l’Italia

Cinquemila franchi ai frontalieri che si trasferiscono in Svizzera

Singolare iniziativa di un imprenditore francese
Singolare iniziativa di un imprenditore francese Keystone / Jean-christophe Bott

Iniziativa singolare di un imprenditore del canton Neuchâtel che offre un incentivo economico alle sue e ai suoi dipendenti francesi che decidono di venire a stabilirsi in Svizzera. L’iniziativa non ha però riscontrato finora un grande successo.

L’imprenditore David Millet, riferisce il quotidiano locale Archinfo, è un francese originario di Besançon (dipartimento del Doubs) che ha scelto di vivere nella Confederazione dieci anni or sono e non intende tornare sui suoi passi: “Il sistema è più chiaro in Svizzera e l’offerta culturale è molto più ricca nel cantone di Neuchâtel che nell’Haut-Doubs”. “Mi piace l’atmosfera, la coesione sociale… mi sento molto a mio agio qui”.

Il direttore di Conceptools/Innotools, ditta specializzata nella progettazione e produzione di utensili da taglio trasferitasi in aprile da Le Locle a Les Brenets, vorrebbe che il maggior numero possibile di dipendenti non debba più attraversare il confine per recarsi al lavoro.

Dei circa trenta collaboratori dell’azienda, il 50% vive in Francia e tutti hanno ricevuto la guida “Capire la Svizzera”, offerta dall’azienda. Ma per quanto il dirigente spinga, anche in termini economici, per la soluzione elvetica, finora nessuno dei “suoi” dipendenti residenti in Francia ha ancora deciso di trasferirsi.

Le testimonianze del personale

Le testimonianze su questo punto raccolte dalla testata romanda sono variegate. Per Laura, contabile e assistente alle risorse umane da tre anni, il cambio di domicilio non appare possibile. “Io e mio marito volevamo diventare proprietari di una casa e in Svizzera il contributo finanziario richiesto è molto più alto, quindi non avevamo scelta. Abbiamo fatto costruire l’abitazione in Francia, i nostri due figli vanno a scuola lì e oggi la questione non si pone più”.

Lo stesso vale per Kevin, 35 anni, da undici anni responsabile delle vendite dell’azienda. Originario di Vercel, a 45 chilometri da Les Brenets, anche lui non ha intenzione di trasferirsi nel canton Neuchâtel poiché “io e mia moglie siamo molto legati al nostro villaggio natale. Siamo cresciuti lì e mia moglie, medico di base, ha rilevato lo studio del padre. I nostri tre figli vanno a scuola sul posto. Abbiamo costruito la nostra casa cinque anni or sono… Ci sarebbero troppi cambiamenti”.

Le case sarebbero probabilmente diverse, osserva il frontaliere, se non avesse una famiglia: “Ci penserei, sarebbe diverso. Apprezzo la qualità della vita nella Confederazione: compro lì la carne, che trovo migliore, e anche se siamo franco-comtois, è a La Chaux-du-Milieu che compro la fondue”, dice.

Non c’entra il costo della vita

In ogni caso l’imprenditore attaccato alla Confederazione non ritiene che il costo della vita elvetico sia un fattore determinante nella scelta. Anche i frontalieri, sottolinea, “pagano molto per l’assicurazione sanitaria, che rappresenta circa l’8% del loro stipendio. E, a seconda del loro salario, la quota può raggiungere o addirittura superare il costo della cassa elvetica”.

Inoltre, insiste, ci sarebbe un netto guadagno in termini di qualità della vita. “Vivendo sul posto, si guadagna un’ora di spostamento al giorno e con 2’000 chilometri in meno al mese si risparmiano, nel suo caso, circa tre rifornimenti dell’auto”, Senza contare l’usura della vettura e i pasti consumati fuori casa.

A incidere sono piuttosto i legami familiari. “Le persone non vogliono lasciare le loro famiglie e i loro amici, sono legate alla loro regione”, aggiunge il dirigente francese, secondo cui a pesare sono anche le questioni della scolarizzazione dei bambini e il problema del doposcuola, “che in Svizzera è saturo”. Da parte sua il Canton Neuchâtel aiuta le giovani imprese e si aspetta che favoriamo la manodopera elvetica, sottolinea sempre David Millet.



Attualità

Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR