Navigation

Cinquant'anni di Comunità familiare

Quest'estate un grande numero di richieste di aiuto è giunto alla Comunità familiare Valais/wallis Promotion

Un’associazione per aiutare le famiglie in difficoltà: 50 anni fa nasceva nel canton Ticino la Comunità familiare da un’idea di Padre Callisto. L’obiettivo è da sempre quello di offrire una consulenza alle famiglie, responsabilizzarle, senza però fornire soluzioni preconfezionate.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 agosto 2021 - 20:15
tvsvizzera.it/mrj

Sono circa 1’500 le persone che annualmente si rivolgono ai vari servizi di Comunità familiare che conta una sessantina di collaboratori e 200 volontari. Una media impresa che, come tale, deve avere un piano finanziario solido. E il no profit non ha nulla a che fare con l'improvvisazione.

Contenuto esterno

L'associazione vive di contributi pubblici e donazioni private e fa leva sul volontariato. In occasione dell'anniversario l'associazione, oltre a dotarsi di un nuovo logo e di presentare il nuovo sito, ha anche lanciato una campagna di raccolta fondi. Fondi che son necessari sempre, ma in particolare ora: l’estate in corso ha visto un aumento esponenziale delle consultazioni.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.