Navigation

Ci sono miracoli che avvengono

Il SermigLink esterno (Servizio Missionario Giovani) è un gruppo di giovani nato a Torino nel 1964 grazie al sogno di Ernesto OliveroLink esterno di eliminare la fame e le ingiustizie del mondo. Nel 1983 entra nel vecchio arsenale militare della città piemontese e, con l’aiuto gratuito di migliaia di persone, lo trasforma nell’Arsenale della PaceLink esterno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2021 - 11:27
Dario Lo Scalzo per RSI News
Contenuto esterno

L’ex fabbrica d’armi diventa così una fraternità di solidarietà e un luogo di accoglienza e incontro della diversità; una “casa” dove ognuno può restituire nella gratuità qualcosa di sé per il bene collettivo.

Sono numerose le attività che si svolgono all’interno dell’Arsenale della Pace di Torino e altrettante quelle sviluppate nel tempo in altri continenti: progetti di carattere formativo e culturale per i giovani, di accoglienza per le persone in difficoltà e al contempo interventi umanitari per le popolazioni colpite da guerre e da calamità naturali.

Nel 1996, in Brasile, a São Paolo è nato l’Arsenale della SperanzaLink esterno che accoglie migliaia di persone di strada mentre nel 2003 a Madaba, in Giordania è sorto l’Arsenale dell’incontroLink esterno che si occupa di bambini diversamente abili. Infine, nel 2016, a Pecetto (TO) viene creato il quarto Arsenale del Sermig, l’Arsenale dell’ArmoniaLink esterno rivolto ai bambini affetti da gravi patologie e a ragazzi diversamente abili.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.