La televisione svizzera per l’Italia

Chiuse molte piste di sci ma i prezzi elevati fanno tornare i conti

Piste innevate artificialmente
Piste innevate artificialmente © Keystone / Laurent Gillieron

Che la mancanza di neve, a causa delle temperature miti che hanno caratterizzato il periodo natalizio, si sarebbe riflettuta sui conti delle stazioni sciistiche, lo si sapeva già. Sono infatti numerosi gli impianti di risalita che sono stati chiusi (totalmente o parzialmente) in questi giorni, tra cui quello grigionese di Splügen-Tambo che ha dovuto sospendere l'attività. L'abbondante acqua derivante dallo scioglimento del manto bianco non consente di battere le piste.

In rinomate località invernali come Arosa-Lenzerheide, Laax o Davos-Klosters è agibile solo la metà delle piste e nei comprensori di medie dimensioni, come Savognin o Obersaxen, l’offerta è ancora più ridotta. In Ticino resiste praticamente solo Airolo-Pesciüm.

Contenuto esterno

Sulle piste elvetiche l’affluenza è quindi calata in generale del 24% e il fatturato del 9% nella prima parte della stagione invernale (fino a fine dicembre), rispetto allo stesso periodo del 2021/22, che era stato peraltro molto buono a nord della Alpi (ma estremamente negativo nella Svizzera Italiana).

L’associazione di categoria Funivie svizzere, che ha diffuso queste cifre) attribuisce la partenza stagionale “modesta” alle elevate temperature, che hanno pregiudicato l’attività di molti impianti alle quote più basse, ma anche a ragioni di calendario: quest’anno diversi giorni festivi sono infatti caduti nei fine settimana.

I numeri sono comunque più confortanti nel raffronto quinquennale. Rispetto alla media degli ultimi cinque anni il calo degli sciatori e delle sciatrici è stato dell’11%, mentre a livello di ricavi la contrazione si è limitata all’1%, dato questo che testimonia il sensibile aumento dei prezzi che ha contribuito a contenere le perdite. Sui comprensori al di sopra dei 2’000 metri di altitudine si è addirittura riscontrato un incremento delle presenze e degli incassi.

Per gli operatori del settore questa evoluzione dimostra che “le stazioni sciistiche ad alta quota e con un buon innevamento artificiale possono ottenere ottimi risultati anche in inverni miti”. Gli impianti meno elevati hanno infatti visto ridursi gli ingressi, sempre nello stesso periodo, di oltre il 30% e il fatturato del 10%.

A livello regionale si distingue il Ticino che hanno visto lievitare del 270% le presenze e del 4% gli incassi (ma 12 mesi fa non c’era neve sul versante alpino meridionale).

Il segno meno accomuna tutte le principali regioni sciistiche elvetiche, vale a dire Vallese (rispettivamente -21% e -8%), Grigioni (-19% e -6%) e Oberland bernese (-27% e -11%). Come accennato sopra però i numeri, al netto dell’eccezionale stagione passata, sono un po’ diversi.

Nel confronto con la media quinquennale il Ticino evidenzia un +2% delle presenze e -3% del fatturato, il Vallese va meglio (rispettivamente +5% e +9%), i Grigioni hanno un andamento in chiaroscuro (-7% e +6%) mentre va maluccio l’Oberland bernese (-21% e -14%).

Attualità

Una delle frequenti code al San Gottardo.

Altri sviluppi

Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere

Questo contenuto è stato pubblicato al I dati pubblicati nel Rapporto sulla viabilità 2023 indicano che la rete stradale elvetica è prossima alla saturazione. Situazione critica soprattutto nell'agglomerato di Zurigo e a sud delle Alpi.

Di più Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere
donna

Altri sviluppi

La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito alla rottura delle relazioni tra i due Paesi dell'America latina, assumerà la rappresentanza diplomatica del Messico a Quito.

Di più La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador
bambina su un letto

Altri sviluppi

Casi di morbillo in aumento in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dell'anno nella Confederazione sono stati registrati 87 casi di morbillo, rispetto ai 26 nello stesso arco di tempo del 2023.

Di più Casi di morbillo in aumento in Svizzera
giornali

Altri sviluppi

Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano

Questo contenuto è stato pubblicato al La popolazione svizzera consuma sempre meno notizia, sia in formato digitale sia cartaceo: il 36% rinuncia a volte o spesso a leggere l'attualità.

Di più Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano
Benjamin Netanyahu

Altri sviluppi

Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione era attesa dopo le recenti dimissioni di Benny Gantz e Gadi Eisenkot. Secondo indiscrezioni, Benjamin Netanyahu continuerà a tenere riunioni limitate a scopo di "consultazione".

Di più Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele
Gruppo di lavoratori in un atelier professionale.

Altri sviluppi

Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale

Questo contenuto è stato pubblicato al Le riforme cui è stata sottoposta l'Assicurazione invalidità negli ultimi 15 anni hanno consentito a un numero crescente di persone di beneficiare dei provvedimenti d'integrazione e di reinserirsi nel mondo del lavoro.

Di più Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale
Un plastico del futuro stadio del Milan.

Altri sviluppi

Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il possibile nuovo stadio del Milan fa discutere molto nella metropoli lombarda, anche perché dovrebbe sorgere a poche centinaia di metri da un’abbazia, dove i monaci vivono tutt’ora.

Di più Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi
Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo).

Altri sviluppi

Il miraggio dell’alloggio in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La ricerca di un appartamento, a prezzi accessibili, è diventata un'impresa titanica, Emblematico il caso di Zurigo.

Di più Il miraggio dell’alloggio in Svizzera
Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR