Navigation

Cani in provetta nello Stato di New York

L'esperimento condotto alla Cornell University potrà contribuire a salvare specie minacciate e a prevenire patologie genetiche, anche nell'uomo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2015 - 20:58

Era da oltre 40 anni che gli scienziati stavano tentando di far nascere cani in provetta e ora l'équipe di Alex Travis, ricercatore della Cornell University, a Itacha (Stato di New York) c'è riuscita. Sette cuccioli di beagle e cocker provenienti da tre diverse madri e due padri sono stati infatti fecondati artificialmente in vitro e il loro dna è stato modificato.

Grazie a questa tecnologia sarà ora possibile garantire la sopravvivenza di specie di canidi minacciate e prevenire lo sviluppo di malattie genetiche. Ma, considerato che sono numerose le patologie che ci accomunano ai cani, sono ipotizzabili benefici anche per la specie umana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.