Navigation

Combattere l’orrore con la cultura

Un anno fa Bruxelles fu lacerata da due attentati suicidi all’aeroporto e alla metropolitana, che fecero 32 morti e oltre 300 feriti. Oggi c’è chi prova a costruire con la cultura quello che la violenza vorrebbe distruggere.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2017 - 22:19
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 21.3.2017)
Contenuto esterno


Alla stazione della metropolitana di Maalbeek è tornata la normalità. La vita continua, anche se il ricordo di quel 22 marzo di un anno fa è ancora molto vivo e le misure di sicurezza sono tuttora imponenti.

Un anniversario che alcuni cercano di trasformare anche in un’occasione per conoscersi meglio e per riconciliarsi. L’orchestra nazionale belga suonerà con la Syrian Exxpat Philarmonic Orchestra, composta di siriani in esilio e fondata l’anno scorso in Germania e che si è esibita in varie città europee, tra cui Berna.

“Suonando in questa triste occasione possiamo dire con la musica alla gente: quello che è successo un anno fa, non è quello che siamo, non siamo noi”, afferma ai microfoni di Tomas Miglierina Raed Jaybeh, fondatore dell’orchestra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.