Navigation

Combattere l’orrore con la cultura

Un anno fa Bruxelles fu lacerata da due attentati suicidi all’aeroporto e alla metropolitana, che fecero 32 morti e oltre 300 feriti. Oggi c’è chi prova a costruire con la cultura quello che la violenza vorrebbe distruggere.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2017 - 22:19
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 21.3.2017)
Contenuto esterno


Alla stazione della metropolitana di Maalbeek è tornata la normalità. La vita continua, anche se il ricordo di quel 22 marzo di un anno fa è ancora molto vivo e le misure di sicurezza sono tuttora imponenti.

Un anniversario che alcuni cercano di trasformare anche in un’occasione per conoscersi meglio e per riconciliarsi. L’orchestra nazionale belga suonerà con la Syrian Exxpat Philarmonic Orchestra, composta di siriani in esilio e fondata l’anno scorso in Germania e che si è esibita in varie città europee, tra cui Berna.

“Suonando in questa triste occasione possiamo dire con la musica alla gente: quello che è successo un anno fa, non è quello che siamo, non siamo noi”, afferma ai microfoni di Tomas Miglierina Raed Jaybeh, fondatore dell’orchestra.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?