La televisione svizzera per l’Italia

Blindati elvetici nel Donbass? Indagine di Berna

Un Mowag Eagle in dotazione alle forze armate elvetiche
Un Mowag Eagle in dotazione alle forze armate elvetiche. © Keystone / Gaetan Bally

Vicino a Bachmut, dove da settimane infuria la battaglia tra truppe ucraine e russe, sarebbero stati avvistati veicoli fabbricati dall’elvetica Mowag.

Su internet sono state diffuse immagini, riprese da diverse testate, relative a uno o due blindati svizzeri sul fronte di guerra ucraino. Una circostanza, questa, in aperta violazione con le disposizioni della legge federale sull’esportazione di materiale bellicoCollegamento esterno che vieta agli acquirenti di armamenti fabbricati nella Confederazione di riesportarli in Paesi coinvolti in conflitti armati.  

La Segreteria di Stato dell’economia (SECO), responsabile delle esportazioni di materiale bellico, sta conducendo approfondimenti per stabilire eventuali violazioni del divieto. Intanto però l’atteggiamento dell’agenzia federale è improntato alla prudenza. La foto su un sito web ucraino riportata da media non consente, a giudizio di Berna, di “trarre conclusioni affidabili sul tipo di veicolo e sul luogo in cui si trova” e una ricostruzione definitiva dell’origine del mezzo è possibile solo con l’aiuto del numero di telaio che allo stato dei fatti non risulta disponibile.

Chiesti chiarimenti a Danimarca e Germania

Dalle indagini preliminari avviate dalla SECO è stato possibile accertare che fino al giugno 1973 erano stati consegnati all’esercito danese 36 veicoli blindati Eagle I prodotti dalla Mowag. Nelle dichiarazioni di non riesportazione Copenaghen, come previsto dalle norme elvetiche, si è impegnata a non vendere i veicoli a Paesi terzi senza l’approvazione della Svizzera.

Successivamente, il 17 dicembre 2012, la Danimarca ha chiesto alla Confederazione l’autorizzazione – concessa nell’aprile 2013 – a riesportare 27 veicoli a una società privata tedesca. A sua volta quest’ultima si è dovuta impegnare per iscritto a non riesportarli.

Ma i recenti fatti hanno suscitato nuovi quesiti cui si è resa necessaria una risposta definitiva. Su richiesta della SECO e del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), le autorità danesi hanno confermato di non aver ceduto alcun veicolo Eagle da ricognizione senza il consenso della Svizzera. Berna si è quindi rivolta anche alla Germania, con cui sono in corso approfondimenti.

Le immagini incriminate

Varie testate svizzere hanno riportato che la foto di uno dei due presunti veicoli Mowag, ritratto davanti al centro culturale della cittadina di Časiv Jar, pochi chilometri dietro la linea del fronte nei pressi di Bachmut, era del fotografo di guerra spagnolo Jose Colon.

L’altra immagine del veicolo, riconoscibile per il portellone e gli specchietti laterali, è stata scattata dall’agenzia di stampa francese AFP il 18 marzo nella città di Avdiïvka e pubblicata, secondo la NZZ, qualche giorno fa. Non è comunque chiaro se si tratti dello stesso veicolo, scrive il foglio zurighese.

+ Il Governo federale insiste nel non concedere l’autorizzazione a riesportare armi elvetiche in Ucraina.

Le restrizioni imposte dalla legge sul materiale bellico – sostanzialmente per ragioni connesse al principio di neutralità – sono oggetto di controversia in Svizzera, soprattutto in seguito all’aggressione armata della Russia all’Ucraina e alle Camere federali sono pendenti diversi atti parlamentari sulla questione. Il Governo federale ha però ribadito a più riprese il divieto di trasferimento di queste armi, nonostante le pressioni internazionali.

L’azienda turgoviese Mowag, che ha sede a Kreuzlingen, nel canon Turgovia, ed è specializzata in carri armati su ruote, è stata rilevata nel 2003 dall’azienda di difesa statunitense General Dynamics.

Contenuto esterno


Attualità

autostrada con cartelli

Altri sviluppi

Galleria autostradale del San Gottardo chiusa per otto notti

Questo contenuto è stato pubblicato al A causa di lavori di manutenzione, il tunnel autostradale del San Gottardo sarà chiuso al traffico in entrambe le direzioni per un totale di otto notti nel mese di giugno.

Di più Galleria autostradale del San Gottardo chiusa per otto notti
nave militare

Altri sviluppi

Navi della flotta russa arrivano a Cuba

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro navi della marina militare russa, tra cui un sommergibile nucleare, sono arrivate mercoledì nella baia dell'Avana, dopo aver partecipato a delle manovre.

Di più Navi della flotta russa arrivano a Cuba
persone in posa per una foto

Altri sviluppi

I leader del G7 riuniti in Puglia

Questo contenuto è stato pubblicato al Al centro del vertice organizzato a Borgo Egnazia che riunisce i capi di Stato e di Governo di Stati Uniti, Germania, Italia, Francia, Regno Unito, Canada e Giappone vi è la guerra in Ucraina.

Di più I leader del G7 riuniti in Puglia
persona paga fatture

Altri sviluppi

Almeno 400’000 persone hanno troppi debiti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Analizzando la banca dati di una società attiva nel campo dei controlli di solvibilità, i giornali del gruppo Tamedia hanno fatto una mappatura della situazione dell'indebitamento in Svizzera.

Di più Almeno 400’000 persone hanno troppi debiti in Svizzera
persona sventola bandiera tricolore da un'auto

Altri sviluppi

Cosa si può fare in Svizzera per festeggiare una vittoria all’Euro di calcio

Questo contenuto è stato pubblicato al I cortei e i concerti di clacson dopo la vittoria della nazionale del cuore sono una tradizione durante gli Europei e i Mondiali di calcio. Ma cosa permettono o non permettono di fare le polizie cantonali svizzere?

Di più Cosa si può fare in Svizzera per festeggiare una vittoria all’Euro di calcio
adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR