La televisione svizzera per l’Italia

Blindati elvetici nel Donbass? Indagine di Berna

Un Mowag Eagle in dotazione alle forze armate elvetiche
Un Mowag Eagle in dotazione alle forze armate elvetiche. © Keystone / Gaetan Bally

Vicino a Bachmut, dove da settimane infuria la battaglia tra truppe ucraine e russe, sarebbero stati avvistati veicoli fabbricati dall’elvetica Mowag.

Su internet sono state diffuse immagini, riprese da diverse testate, relative a uno o due blindati svizzeri sul fronte di guerra ucraino. Una circostanza, questa, in aperta violazione con le disposizioni della legge federale sull’esportazione di materiale bellicoCollegamento esterno che vieta agli acquirenti di armamenti fabbricati nella Confederazione di riesportarli in Paesi coinvolti in conflitti armati.  

La Segreteria di Stato dell’economia (SECO), responsabile delle esportazioni di materiale bellico, sta conducendo approfondimenti per stabilire eventuali violazioni del divieto. Intanto però l’atteggiamento dell’agenzia federale è improntato alla prudenza. La foto su un sito web ucraino riportata da media non consente, a giudizio di Berna, di “trarre conclusioni affidabili sul tipo di veicolo e sul luogo in cui si trova” e una ricostruzione definitiva dell’origine del mezzo è possibile solo con l’aiuto del numero di telaio che allo stato dei fatti non risulta disponibile.

Chiesti chiarimenti a Danimarca e Germania

Dalle indagini preliminari avviate dalla SECO è stato possibile accertare che fino al giugno 1973 erano stati consegnati all’esercito danese 36 veicoli blindati Eagle I prodotti dalla Mowag. Nelle dichiarazioni di non riesportazione Copenaghen, come previsto dalle norme elvetiche, si è impegnata a non vendere i veicoli a Paesi terzi senza l’approvazione della Svizzera.

Successivamente, il 17 dicembre 2012, la Danimarca ha chiesto alla Confederazione l’autorizzazione – concessa nell’aprile 2013 – a riesportare 27 veicoli a una società privata tedesca. A sua volta quest’ultima si è dovuta impegnare per iscritto a non riesportarli.

Ma i recenti fatti hanno suscitato nuovi quesiti cui si è resa necessaria una risposta definitiva. Su richiesta della SECO e del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), le autorità danesi hanno confermato di non aver ceduto alcun veicolo Eagle da ricognizione senza il consenso della Svizzera. Berna si è quindi rivolta anche alla Germania, con cui sono in corso approfondimenti.

Le immagini incriminate

Varie testate svizzere hanno riportato che la foto di uno dei due presunti veicoli Mowag, ritratto davanti al centro culturale della cittadina di Časiv Jar, pochi chilometri dietro la linea del fronte nei pressi di Bachmut, era del fotografo di guerra spagnolo Jose Colon.

L’altra immagine del veicolo, riconoscibile per il portellone e gli specchietti laterali, è stata scattata dall’agenzia di stampa francese AFP il 18 marzo nella città di Avdiïvka e pubblicata, secondo la NZZ, qualche giorno fa. Non è comunque chiaro se si tratti dello stesso veicolo, scrive il foglio zurighese.

+ Il Governo federale insiste nel non concedere l’autorizzazione a riesportare armi elvetiche in Ucraina.

Le restrizioni imposte dalla legge sul materiale bellico – sostanzialmente per ragioni connesse al principio di neutralità – sono oggetto di controversia in Svizzera, soprattutto in seguito all’aggressione armata della Russia all’Ucraina e alle Camere federali sono pendenti diversi atti parlamentari sulla questione. Il Governo federale ha però ribadito a più riprese il divieto di trasferimento di queste armi, nonostante le pressioni internazionali.

L’azienda turgoviese Mowag, che ha sede a Kreuzlingen, nel canon Turgovia, ed è specializzata in carri armati su ruote, è stata rilevata nel 2003 dall’azienda di difesa statunitense General Dynamics.

Contenuto esterno


Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR