Navigation

Beethoven inaugura il LAC

La Sinfonia n. 9, interpretata dall'Orchestra della Svizzera italiana e dal Coro della Radiotelevisione, diretti da Vladimir Ashkenazy, ha battezzato la Sala Teatro del nuovo Polo culturale

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2015 - 11:55

Il concerto inaugurale del LAC ha proposto la Sinfonia n. 9 in re minore di Ludwig van Beethoven, una tra le pagine più celebri e amate di tutta la storia della musica e simbolo sia di solennità - un vero e proprio monumento che nel 1824 unì passato, presente e futuro della musica - sia di gaudio grazie al celebre Inno alla gioia su testo di Schiller che appare nel finale del quarto movimento.

E per salutare un evento importante come l'inaugurazione musicale della Sala Teatro del LAC, venerdì 25 settembre, non potevano che esserci i principali protagonisti della regione: l'Orchestra della Svizzera italiana e il Coro della Radiotelevisione svizzera. Con loro il direttore ospite principale Vladimir Ashkenazy (coadiuvato dal preparatore del coro Donato Sivo) e un cast di solisti di levatura internazionale ad interpretare un programma al tempo stesso solenne e gioioso: la soprano Christiane Oelze, la mezzosoprano Anna Bonitatibus, il tenore Christoph Strehl e il baritono Olafur Sigurdarson.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.