Navigation

Battuta d'arresto per il processo Regeni

La famiglia di Giulio con l'avvocato. Ap

Dopo ore di camera di consiglio, la Corte ha deciso che gli atti sugli 007 egiziani devono tornare al giudice dell'udienza preliminare.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 ottobre 2021 - 13:01
tvsvizzera.it/MaMi

La terza Corte d'Assise di Roma ha deciso - dopo 5 ore di camera di consiglio - che gli atti sugli 007 egiziani devono tornare al giudice dell'udienza preliminare (Gup). L'accusa a loro carico è quella di avere sequestrato, torturato e ucciso il giovane ricercatore italiano Giulio Regeni, morto nel febbraio 2016 al Cairo.

La decisione è legata all'assenza in aula degli imputati. I giudici hanno annullato l'atto con cui il Gup, a maggio, ne ha disposto il rinvio a giudizio. Si riparte così dall'udienza preliminare. Il legale della famiglia Regeni: 'Non ci arrendiamo'.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.