Aviazione La Darwin Airline non volerà più


La compagnia che operava da Lugano non sfuggirà al fallimento. I suoi aerei erano bloccati al suolo da 15 giorni, dopo che la società aveva presentato una richiesta di moratoria concordataria.

La bancarotta della compagnia aerea lascia senza lavoro oltre 200 dipendenti e rischia di avere forti ripercussioni sull’aeroporto di Lugano. La Darwin Airline assicurava i collegamenti con Ginevra e recentemente aveva reintrodotto un collegamento con Roma Fiumicino.

Due settimane fa, l’Ufficio federale dell’aviazione civile aveva ritirato l’autorizzazione di esercizio alla compagnia, dopo che quest’ultima aveva presentato una domanda di moratoria concordataria.

Per potere ripartire, la Darwin avrebbe avuto bisogno di un milione e mezzo di franchi. Secondo i sindacati, l’affondamento della compagnia luganese, di proprietà della slovena Adria Airways e che a sua volta appartiene al fondo d’investimenti 4k, è da collegare con una mossa speculativa.


Parole chiave