Navigation

È morto Paolo Villaggio


Questo contenuto è stato pubblicato il 03 luglio 2017 - 21:10
tvsvizzera.it/ri
Contenuto esterno


È morto lunedì a Roma l'attore, comico e scrittore Paolo Villaggio. Genovese, classe 1932, dai primi di giugno era ricoverato in una clinica privata.

L'annuncio è della figlia Elisabetta, con un post su Facebook. Su una foto in bianco e nero del padre -ritratto giovane, insieme ai figli- scrive: "Ciao papà, ora sei di nuovo libero di volare".

Contenuto esterno


Villaggio è morto per complicanze di un  diabete "curato poco e male", ha spiegato la stessa Elisabetta all'esterno della clinica romana Paideia, dove l'attore era stato trasferito dopo un ricovero al Policlinico Gemeli tra il 14 maggio e il 9 giugno.

Una carriera da premio

Classe 1932, Paolo Villaggio ha interpretato personaggi come il professor Otto von Kranz e il timidissimo Giandomenica Fracchia -apparsi in tivù negli anni Sessanta- e il ragioniere Ugo Fantozzi.

Nato dalla penna dello stesso attore, Fantozzi -inizialmente protagonista di brevi racconti pubblicati su un settimanale- sarà un best-seller con tre libri pubblicati da Rizzoli e avrà un enorme successo al cinema.

Nel 1992, Villaggio aveva ricevuto a Venezia il Leone d'oro alla carriera e nel 2000 gli era stato assegnato al Festival del film di Locarno il Pardo d'oro, sempre alla carriera. 

"A ruota libera"

L'intervista più recente della Radiotelevisione svizzera RSI all'attore risale a metà novembre del 2015, quando passò da Lugano con 'A ruota libera'. 

Più che uno spettacolo, un colloquio con il pubblico, nel quale alternava provocazioni e aneddoti sui problemi dell'Italia di oggi, sul terrorismo dell'Isis, sul suo rapporto con le donne o i con i suoi amici famosi.

"Il terrorismo? La vanità di pochi disperati", commentava in questa intervista, proposta dal settimanale culturale della RSI 'Turné'.

Nella sua lunga carriera, Villaggio ha lavorato anche in Svizzera, partecipando nel 2001 a due film di produzione elvetica, Heidi di Markus Imboden e Azzurro di Denis Rabaglia. Qual era lo sguardo dell'attore italiano sulla Confederazione?

Contenuto esterno



 




 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.