Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Aumento vertiginoso in un anno È di 1,4 miliardi il costo della criminalità finanziaria in Svizzera

truffa

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La criminalità economica in Svizzera ha raggiunto livelli da primato nel 2016, causando ingenti danni a privati, società e alle stesse casse pubbliche.

Se il numero di reati è infatti sceso da 91 a 57 l’anno passato, le conseguenze economiche sono stimate a 1,4 miliardi di franchi invece dei 280 milioni del 2015, secondo quanto emerge da un rapporto stilato dalla società di consulenza e analisi finanziaria KPMG.

A questo risultato ha sicuramente contribuito il caso del finanziere basilese Dieter Behring condannato a 5 anni di carcere per aver gabbato oltre duemila risparmiatori per un totale di 800 milioni di franchi.

Spesso, stando sempre al rapporto KPMG, a orchestrare truffe di tipo finanziario sono consulenti finanziari o agenti di cambio ma non è sempre è tutta colpa loro: in sei casi su dieci vengono addossate responsabilità anche sul management della società mentre in un caso su cinque sono coinvolti anche altri collaboratori.   

tvsvizzera/spal con RSI (TG del 22.2.2017)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×