Navigation

Nuovo incremento dei frontalieri in Ticino

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 10 agosto 2017 - 12:21
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 10.8.2017)

Continua la corsa dei frontalieri provenienti dalle vicine province italiane verso il cantone Ticino. Nel secondo trimestre dell’anno, indica oggi l’Ufficio federale di statistica, i lavoratori residenti oltre confine sono aumentati su base annua del 5,3% raggiungendo la cifra record di 65'490 unità. 

Trend analogo, anche se meno marcato, nell’insieme del paese dove si registra un balzo del 3,5% (322'028 unità). L’incremento rispetto al trimestre precedente è dell’1,3% sia a livello ticinese che nazionale.

Su piano regionale è la zona del Lemano - in particolare nel canton Ginevra (120'021) – quella dove c’è stato l’afflusso maggiore di nuovi frontalieri con una progressione annua del +4,1% (+2,2% nel trimestre).

Contenuto esterno


A trainare gli arrivi (+4,5%) è soprattutto il settore terziario che ne occupa 211'035 mentre nell’industria l’incremento è stato più contenuto (+1%, 109'033). Nell'agricoltura, ramo che ne occupa in totale 1'960 (+4,6%), le cifre sono meno significative.

La Francia resta il paese principale da cui proviene questa particolare categoria di lavoratori con 176'371 presenze (+3,1%), seguono gli italiani (73'262, +5,4%) che hanno però la peculiarità di concentrarsi in stragrande maggioranza nel solo cantone Ticino nel quale rappresentano una quota del 27,1% sull’insieme della manodopera attiva. I cittadini tedeschi sono invece 61'963 (+2%) e gli austriaci 8'285 (+1,8%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.