Navigation

Aumenta piano piano il numero di rifugiati in arrivo

©keystone/peter Schneider

Sono quasi 2'500 i rifugiati già arrivati dall'Ucraina in Svizzera, oggi sono stati assegnati i primi statuti S.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 marzo 2022 - 20:51
tvsvizzera.it/MaMi

I centri federali d'asilo si trovano già sotto pressione per affrontare il forte afflusso di rifugiati ucraini in cerca di un alloggio e del rilascio dello statuto di protezione SLink esterno entrato in vigore proprio oggi.

La Segreteria di Stato della migrazioneLink esterno (SEM) ha lanciato un appello ai profughi che possono contare sull'accoglienza privata di aspettare a inoltrare una domanda di riconoscimento del nuovo status. Dispongono di un diritto di residenza di 90 giorni e c'è quindi abbastanza tempo, ha indicato a Keystone-ATS un portavoce della SEM.

Il primo caso

Il primo statuto S a un profugo ucraino è stato concesso oggi alle 09.45 nel centro federale d'asilo di Boudry, nel canton Neuchâtel: lo annuncia su Twitter la Segreteria di stato della migrazione (SEM).

Come noto l'attivazione dello statuto è stata decisa ieri dal Consiglio federale. Esso consente di accordare protezione collettiva a un determinato gruppo di persone esposte a un grave pericolo generale, in particolare durante una guerra: conferisce un diritto di soggiorno di un anno, prorogabile, e prevede il ricongiungimento familiare.

Dopo almeno cinque anni di soggiorno i titolari dello statuto S ottengono un permesso B di durata limitata fino alla revoca della protezione temporanea. Chi ha il permesso S può viaggiare all'estero e tornare in Svizzera senza autorizzazione. È inoltre consentito esercitare un'attività lucrativa (anche indipendente) senza periodo di attesa.

End of insertion

L'autorità è al momento molto impegnata a far fronte alle domande nei centri e viene sostenuta dall'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati (OSAR). Vi sono comunque posti a sufficienza: nessuno sarà costretto a trascorrere la notte all'aperto.

I numeri in Svizzera

Oggi pomeriggio la SEM contava 2475 rifugiati ucraini registrati in Svizzera: 1643 ospitati in centri federali d'asilo, 832 privatamente. Lo statuto di protezione S permette a chi scappa dalla guerra in Ucraina di rimanere in Svizzera per un anno, senza dover chiedere asilo, lavorando e andando a scuola.

Manifestazioni per la pace

Intanto, oggi a Berna tra le 3000 e le 5000 persone hanno manifestato per la pace in Ucraina e per lo stop alle importazioni di gas russo in Svizzera. I dimostranti hanno sventolato bandiere ucraine o arcobaleno.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?