La televisione svizzera per l’Italia

Assolto l’agente che ha ucciso sei anni fa un africano a Bex

Lo stabile a Bex (Vaud) dove è avvenuta la sparatoria nel novembre 2016.
Lo stabile a Bex (Vaud) dove è avvenuta la sparatoria nel novembre 2016. Keystone / Alexandra Wey

L’agente che nel 2016 ha ucciso un giovane congolese nel Canton Vaud è stato completamente scagionato dal Tribunale federale. Secondo i giudici il poliziotto ha sparato contro il 27enne, in evidente stato di alterazione e munito di coltello, per legittima difesa.

Nella sera del 6 novembre di sei anni fa una pattuglia della polizia comunale, allertata da una telefonata, era intervenuta in un edificio a Bex, dove un uomo di origine africana aveva sfondato la porta di un vicino, minacciato alla gola con un coltello da pane, per poi lasciare l’appartamento senza usare violenza fisica.

I cinque agenti giunti sul posto avevano cercato di calmare il 27enne, che versava in uno stato di agitazione, sotto il probabile influsso della droga (ecstasy) che è stata successivamente individuata nel suo sangue. Alla vista dei poliziotti l’uomo ha aggredito uno degli agenti inseguendolo con il coltello in mano e si è poi diretto verso il sergente minacciandolo con l’arma impropria.

Quest’ultimo ha quindi sparato con la sua pistola d’ordinanza tre colpi che hanno raggiunto il padre di famiglia alla coscia e al petto. Nonostante il massaggio cardiaco praticato dagli agenti e l’arrivo dei soccorsi il cittadino africano era spirato sul posto a causa della ferita ai polmoni.

L’evento ha provocato diverse reazioni: diverse centinaia di persone avevano manifestato alcuni giorni dopo a Losanna per protestare contro la presunta “profilatura razziale” della polizia e anche la Repubblica democratica del Congo aveva chiesto alle autorità svizzere spiegazioni in merito all’uccisione del giovane.

I cinque gendarmi, secondo quanto è emerso dall’indagine, erano equipaggiati con giubbotti antiproiettile e guanti anti taglio e non hanno usato né i loro manganelli né lo spray al pepe per neutralizzare l’uomo. Inoltre, non avevano potuto comunicare tra di loro con la radio poiché era risultata fuori servizio.

Lo scorso 24 febbraio però la suprema corte ha respinto il ricorso di parenti della vittima secondo cui l’indagine era stata condotta male e la reazione dell’agente che aveva sparato era stata sproporzionata.

Ma i giudici federali hanno ritenuto legittimo che la giustizia vodese – che a suo dire non avrebbe assolutamente agito in modo arbitrario – abbia respinto le varie misure d’istruzione e le perizie supplementari richieste dai ricorrenti, che a detta di Mon Repos, non avrebbero permesso di precisare meglio lo svolgimento dei fatti. Non c’è alcun dubbio, come hanno riconosciuto le due prime istanze, che il sergente, ha sottolineato il Tribunale federale, si trovasse in una situazione di legittima difesa quando ha sparato.

L’agente, precisa la sentenza, ha gridato “Stop police” senza che la vittima si sia fermata e ha sparato mentre stava subendo un attacco illecito e imminente, che minacciava la sua vita o la sua integrità fisica. In queste circostanze, scrivono i giudici federali, gli spari devono essere considerati come proporzionati.

Contenuto esterno


Attualità

La droga sequestrata dalla polizia di Berna.

Altri sviluppi

Maxi sequestro di droga a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Durante retate svolte questa settimana nei cantoni di Berna e Friburgo le forze dell'ordine hanno sequestrato circa una tonnellata di hashish e marijuana e arrestato diverse persone. Le indagini sono ancora in corso.

Di più Maxi sequestro di droga a Berna
Passeggeri in attesa all'aeroporto.

Altri sviluppi

Tilt informatico, problemi anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Colpito soprattutto il traffico aereo a Zurigo-Kloten e il settore energetico, risparmiate invece le banche e la Borsa.

Di più Tilt informatico, problemi anche in Svizzera
Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR