Navigation

Arriva Johnson&Johnson per i refrattari ai vaccini a mRna

Una dose del vaccino prodotto dall'americana Janssen. Keystone / Etienne Laurent

In Svizzera iniziano ad arrivare in questi giorni 150'000 vaccini Johnson & Johnson ordinati da Berna e le prime somministrazioni verranno effettuate nei cantoni già dalla prossima settimana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 settembre 2021 - 22:18
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

"Questo vaccino - autorizzato da Swissmedic lo scorso mese di marzo - è destinato alle persone che non possono o non vogliono essere immunizzate con un vaccino mRNALink esterno", ha indicato il ministro della sanità Alain Berset, e si aggiungerà ai due preparati, Pfizer-Biontech e Moderna, che vengono attualmente utilizzati nella Confederazione nella prevenzione del Covid-19.

La tecnologia su cui si fonda è di tipo tradizionale, un adenovirus umano depotenziato (variante umana del virus del raffreddore) cui viene integrato un frammento della proteina spike del coronavirus Sars-Cov2 che provoca la risposta immunitaria dell'organismo.

A differenza degli altri, il vaccino della Janssen viene inoculato con una sola dose ed è consigliato a tutte le persone dai 18 anni in su che non possono farsi immunizzare con un vaccino a mRNA per motivi medici (allergie) o che rifiutano di essere vaccinati con essi.

Per le donne incinte o le persone immunodeficienti continua a essere raccomandato uno dei due preparati a mRNA Moderna e Pfizer che, a differenza dei farmaci a vettore virale, non hanno causato problemi in queste due specifiche categorie di pazienti. Lo stesso discorso vale per i minorenni dai 12 anni per i quali, secondo l'Ufficio federale della sanità, i vaccini a Rna messaggero offrono un alto livello di protezione e sono molto sicuri.

Contenuto esterno

Finora la Confederazione ha firmato contratti con cinque case farmaceutiche per i seguenti preparati: Moderna (13,5 milioni di dosi di vaccino per il 2021 e 7 milioni per il 2022), Pfizer/BionTech (6 milioni di dosi per il 2021, 7 milioni per il 2022 e 7 milioni per il 2023), AstraZeneca (5,3 milioni di dosi, di cui 4 saranno donati al programma Covax), Curevac (5 milioni di dosi) e Novavax (6 milioni di dosi).

Intanto, a giudizio della Task force federale sul Covid-19, la campagna di vaccinazione va troppo a rilento in Svizzera, che è in ritardo rispetto ai paesi vicini.

Il 66% delle persone sopra i 12 anni è attualmente completamente vaccinato ma "è ancora troppo poco per raggiungere un'immunizzazione sufficiente entro l'inverno", ha osservato Virginie Masserey, capo della sezione controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp).

Nonostante l'occupazione degli ospedali stia gradualmente diminuendo, ha aggiunto la responsabile sanitaria, la situazione potrebbe diventare di nuovo critica, come è già successo nell'ottobre di un anno fa e "sono soprattutto i giovani non vaccinati che si trovano attualmente negli ospedali"

Da parte sua Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV), è intervenuto nel dibattito sulla terza dose: "Al momento non sono necessari per gli adulti vaccinati e in buona salute" ma gli esperti continuano a seguire l'evoluzione della situazione da vicino.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.