Navigation

Museo abusivo a Roma tra arte, rifiuti e degrado

Uno spazio espositivo che non ti aspetti. Soprattutto a Roma. Eppure è una realtà. In uno stabilimento abbandonato da tanti, troppi anni, è nato un museo, totalmente abusivo. E il suo" direttore" è un occupante abusivo...

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2017 - 08:00
tvsvizzera.it/fra con RSI (TG del 12.01.2017)
Contenuto esterno


Non ha nulla a che vedere con i Musei vaticaniLink esterno, Galleria BorgheseLink esterno e ancora meno con MaxxiLink esterno, il museo nazionale delle arti del XXI secolo. Nella città eterna, tra rovine dell'antica Roma e stradine medievali, tra lo sfarzo dei palazzi rinscimentali e l'austerità di quelli fascisti, ecco che diventa realtà anche l'archeologia industriale.

Ma la particolarità di questo spazio espositivo è che si tratta di un museo completamente abusivo, in spazi abusivi, dove vive gente "abusiva. Insomma niente è in regola eppure, come commenta il suo direttore, Tito, anch'egli abitante abusivo della ex fabbrica di saponi Mira Lanza, i visitatori - non tantissimi ancora - arrivano da tutto il mondo.

Eppure il degrado è presente ovunque in questo museo. E le opere d'arte di Seth, questo il nome dell'artista, con chiare influenze della street art, si presentano tra spazzatura, mobili distrutti, mura fatiscenti. E qualche tendopoli costruite dai pochi abitanti abusivi del museo.




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.