La televisione svizzera per l’Italia

Aperta indagine su un attacco a un giornalista svizzero in Ucraina

attraverso il finestrino di un auto in Ucraina
I soldati russi hanno sparato al giornalista svizzero Guillaume Briquet mentre guidava in Ucraina. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto un'inchiesta per crimini di guerra in relazione all'imboscata in cui è stato preso di mira un fotoreporter ginevrino in Ucraina, scrive il SonntagsBlick.

Un portavoce dell’MPC ha dichiarato al giornale che “è stato aperto un procedimento penale in seguito alla denuncia di un’organizzazione non governativa”. Una denuncia è stata presentata lo scorso agosto dalla ONG ucraina Truth Hounds, sostenuta dalla ONG svizzera Civitas Maxima, in merito all’aggressione subita dal giornalista svizzero Guillaume Briquet il 6 marzo 2022.

Secondo Civitas MaximaCollegamento esterno, Briquet è stato vittima di un’imboscata da parte di un commando russo mentre stava guidando da Kropyvnytsky a Mykolaïv in Ucraina. Il suo veicolo – che aveva la targa di Ginevra e la scritta “PRESS” su entrambi i lati – è stato colpito due volte sul lato del conducente e due volte sul lato passeggeri. Briquet è stato ferito da vetri rotti. “Briquet ritiene che il motivo per cui la stampa viene presa di mira sia quello di intimidire i giornalisti affinché non raccontino il conflitto”, aggiunge Civitas Maxima.

“I soldati volevano uccidermi”, racconta il giornalista al SonntagsBlick. Secondo il giornale, questo sarà il primo caso di crimini di guerra aperto dall’MPC nel contesto della guerra in Ucraina. L’MPC ha anche istituito un’unità per raccogliere testimonianze, in particolare dalle persone ucraine rifugiate in Svizzera, da utilizzare in futuro in tribunali nazionali o internazionali.

Per il momento, il procedimento è stato aperto contro uno o più sospetti sconosciuti. Ma il SonntagsBlick afferma che i ricercatori ucraini hanno identificato i responsabili. Si tratterebbe di un’unità speciale russa. Il giornale riferisce che Truth Hounds ha trasmesso queste informazioni all’MPC.

Attualità

Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR