Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Antisemitismo o ingenuità? Clienti ebrei pregati di farsi la doccia prima della piscina

Di

(3)

albergo di Arosa sotto accusa per due cartelli antisemiti

Un aparthotel di Arosa, nei Grigioni, è finito nell’occhio del ciclone per due cartelli che invitano gli ospiti ebrei a farsi la doccia prima di entrare in piscina. Israele ha chiesto a Berna di condannare l’accaduto. I responsabili dell’albergo parlano dal canto loro di ingenuità.

L'aparthotel Paradies di Arosa visto dall'esterno

L'aparthotel Paradies di Arosa accoglie molti turisti ebrei.

(www.paradiesarosa.ch)

“Ai nostri ospiti ebrei: per favore fatevi una doccia prima di entrare in piscina e quando uscite. Se infrangete le regole, sarò costretta a vietarvi l’ingresso”. E ancora: “Ai nostri ospiti ebrei: vi è permesso di accedere al frigorifero tra le 10 e le 11 e tra le 16.30 e le 17.30. Spero che capiate che il nostro team non vuole essere disturbato in ogni momento”. Il frigorifero in questione, dove i clienti ebrei possono conservare cibo kasher, si trova in un locale a cui ha accesso solo il personale dell’albergo, stando a quanto spiega la Basler Zeitung.

(2)

Il controverso cartello dell'albergo di Arosa

I due cartelli comparsi in un aparthotel di Arosa, nel cantone Grigioni, e postati da alcuni clienti sulle reti sociali hanno sollevato in un men che non si dica un vero e proprio polverone. Diversi media israeliani hanno ripreso la notizia e la viceministra degli esteri Tzipi Hotevely ha chiesto alla Svizzera di condannare formalmente quanto accaduto. “Si tratta di un atto antisemita della peggior specie”, ha dichiarato l’esponente del Likud. L’ambasciatore israeliano in Svizzera ha dal canto suo indicato di aver discusso dell’incidente col ministero degli esteri elvetico, che ha ribadito la sua condanna "del razzismo, dell'antisemitismo e di ogni forma di discriminazione".

Il segretario generale della Federazione svizzera delle comunità israelite, Jonathan Kreutner, ha parlato di “un atto totalmente inammissibile”, mentre il portavoce di Svizzera Turismo Markus Berger ha definito l'incidente "inaccettabile".

Su internet è addirittura stata lanciata una petizione che domanda di chiudere l’aparthotel.

(1)

filo twitter su Paradies Arosa

Interpellata dal quotidiano svizzero tedesco Blick, la gerente ha spiegato così l’accaduto: “In questo momento abbiamo molti ospiti ebrei e ho potuto constatare che alcuni di loro non facevano la doccia prima di nuotare. I proprietari di alcuni appartamenti della nostra struttura mi hanno chiesto di fare qualcosa. Ho così scritto questo cartello in modo alquanto ingenuo. Naturalmente non lo rifarei più”.

Nel frattempo l’albergo di Arosa ha rimosso i due cartelli e ha sottolineato che i clienti ebrei continuano ad essere i benvenuti. Un sostegno è giunto anche da Israele. Intervistato dal giornale Israel National News, un cliente abituale ha dichiarato: “Sono stato più volte in questo albergo e posso assicurarvi che il personale è così lontano dall’antisemitismo quanto l’Estremo Oriente è lontano dall’Occidente”.


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×