La televisione svizzera per l’Italia

Ambiente, oggi è l’Earth Overshoot Day ma in Svizzera c’è già stato

Una tavola di cibo
Secondo il Global Footprint Network, il cibo consuma metà della biocapacità della Terra. Keystone / Georgios Kefalas

Oggi, 2 agosto, l’organizzazione ambientalista Global Footprint Network celebra l’Earth Overshoot Day 2023, vale a dire il giorno dell’anno in cui sono state consumate tutte le risorse naturali che la Terra è in grado di rigenerare in dodici mesi.

Ma in Svizzera questa data è già passata: le sue risorse rinnovabili si erano esaurite infatti il 13 maggio. In Italia due giorni dopo.

A debito sempre più in anticipo

In proposito il WWF ha ricordato che la situazione sta peggiorando di anno in anno. 50 anni fa, nel 1973, l’Overshoot Day cadeva infatti il 3 dicembre: veniva sforato di pochi giorni il nostro budget annuale ma già nel 2003, l’umanità era a debito con la natura dal 12 settembre e nel 2013 dal 3 agosto.

Questo significa che la data è sempre andata anticipandosi e il debito ecologico è cresciuto di pari passo.

In media a livello globale, secondo i calcoli del Wwf, stiamo consumando l’equivalente di 1,7 pianeti all’anno, che potrebbero diventare 2 entro il 2030. A questi ritmi servirebbero 5 pianeti se tutti vivessero come un cittadino degli USA.

Arrestare la corsa è difficile ma si può: “Dobbiamo rimanere in pista con il Green Deal per spostare” in avanti “la data” dell’Earth Overshoot Day, ha detto il commissario europeo per l’Ambiente, Virginijus Sinkevicius, ricordando che “economia circolare, ripristino della natura, energie rinnovabili fanno tutti parte dell’equazione”.

La Svizzera dietro la lavagna

+ Il “deludente” contributo della Svizzera a un pianeta senza emissioni

Se si confronta il consumo di risorse in ciascun Paese, la Svizzera risulta sopra la media internazionale. Lo Swiss Overshoot Day è stato raggiunto il 13 maggio e i movimenti ecologisti non smettono di criticare le politiche condotte dalle autorità su questo tema.

La Confederazione prevede di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Secondo i termini dell’accordo sul clima di Parigi, la Svizzera si è impegnata a dimezzare le emissioni entro il 2030.

Ma l’obiettivo di ridurre del 20% le emissioni di gas serra entro la fine del 2020 è stato mancato, anche se di poco (19%), nonostante le restrizioni decise durante la pandemia e un inverno insolitamente caldo.

La Svizzera è così scesa dal 15esimo al 22esimo posto nella classifica del Climate Change Performance Index 2023Collegamento esterno.


Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR