Navigation

Strage a Las Vegas a un concerto country

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2017 - 11:01
tvsvizzera.it/fra

Più di 50 morti e 400 feriti. È il bilancio provvisorio della sparatoria avvenuta questa mattina vicino all'hotel Mandalay Bay di Las Vegas, durante un festival di musica country. Ucciso l'attentatore. Secondo la polizia si è trattato di un "lupo solitario"

Sono notizie che sono state riferite direttamente dalla polizia. Tra le vittime ci sono anche due agenti delle forze dell'ordine fuori servizio che assistevano al concerto.  Si tratta della sparatoria più sanguinosa della storia americana.

Al concerto di musica country erano presentii circa 40mila spettatori. 

''Sembrava il rumore di fuochi di artificio'': così alcuni testimoni hanno descritto i secondi iniziali della sparatoria durante il concerto. La musica è inizialmente andata avanti con la band del cantante Jason Aldean che si esibiva e che, probabilmente come il pubblico, non aveva capito quanto stava avvenendo. 

Ma dopo ''45 secondi'' anche la musica si è fermata. 'E' stata una notte terribile', ha twittato il musicista.

Lo sceriffo Joe Lombardo ha detto che l'aggressore, che è stato ucciso, era un residente della città. La polizia sta ora cercando Mary Lou Danley, una donna asiatica che avrebbe avuto legami con l'aggressore.

L'assalitore di Las Vegas è morto, ha affermato Lombardo. L'uomo è stato "neutralizzato" in uno scontro con gli agenti al 32esimo piano del Mandalay Bay hotel. "Al momento pensiamo che sia stato un unico attentatore, un attentatore della categoria lupo solitario", ha spiegato lo sceriffo.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.