Navigation

Agli svizzeri piace l'olio d'oliva italiano

È l'olio più consumato nonostante il suo prezzo alto Keystone / Guillaume Horcajuelo

Continua a crescere l’importazione di olio d’oliva in Svizzera: nel 2020 nella Confederazione ne sono state importate 19'090 tonnellate, ossia il 25% in più rispetto all’anno precedente. Il fornitore principale è stata l’Italia (il 50% del totale), seguita dalla Spagna (un terzo del totale) e dalla Grecia (10% del totale).

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2021 - 15:29
tvsvizzera.it/mrj con Keystone-ATS

Negli ultimi due decenni la crescita è stata costante: nel 2000, infatti, l’import era di 7'487 tonnellate, secondo quanto emerge dai dati pubblicati giovedì dall’Amministrazione federale delle doganeLink esterno. Il costo medio è rimasto, quanto a lui, relativamente costante negli anni (le variazioni sono principalmente dovute alla fluttuazione dell’euro): 6.30 franchi al chilo per l’Italia, 3.60 per la Spagna e 6.10 per la Grecia. Resta, tra gli olii vegetali, uno dei prodotti più cari: gli altri costano in media tra i 0.90 e gli 1.90 franchi al chilo.

In termini di valore, l’olio di oliva è il principale olio importato in Svizzera, per un valore complessivo di 101,5 milioni di franchi lo scorso anno. In termini quantitativi, però, è quello di girasole a dominare (44'970 tonnellate per un prezzo di 1.30 franchi al chilogrammo).

La Svizzera, un piccolo grande mercato

È interessante notare, inoltre, che un Paese piccolo come la Svizzera fa parte dei “clienti” più importanti dell’Italia. È il settimo esportatore di olio d’oliva italiano, davanti a Stati molto più grandi, come per esempio la Cina, la Russia o l’India. Una delle spiegazioni è sicuramente la vicinanza geografica (e culturale) italo-svizzera.

L’Italia, dal canto suo, non è del tutto autosufficiente e importa parte dell’olio consumato sul suo territorio: il primo Paese fornitore è la Spagna, con 441,5 tonnellate (dati del 2019Link esterno), seguita dalla Grecia (74,5 tonnellate) e dalla Tunisia (47 tonnellate).

Olio d'oliva a chilometro zero

Esistono degli uliveti anche a sud delle Alpi e a nord dell'Italia: grazie a inverni sempre più miti e all'associazone "Gli amici dell'Olivo", si sono moltiplicati gli alberi di ulivo in Ticino e tra Gandria e Castagnola, sul sentiero dell'olivoLink esterno, si trova anche il frantoio più a nord d'Europa, a un'altitudine di 620 metri sopra il mare.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.