Navigation

Due turiste uccise in un resort a Hurghada

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 14 luglio 2017 - 19:27
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.7.2017)

Due turiste tedesche sono state uccise e altre quattro, di varie nazionalità, ferite oggi da un uomo armato di coltello in un resort a Hurghada, rinomata località egiziana sul Mar Rosso. L’aggressore è stato subito catturato dalle forze dell’ordine.

Al momento gli inquirenti stanno cercando di ricostruire moventi e identità dell’accoltellatore ed eventuali collegamenti con organizzazioni jihadiste. Dalle prime ricostruzioni dei fatti sembra che l’assalitore abbia raggiunto a nuoto la spiaggia privata dell’hotel Egyptian Red Sea dove si trovavano le donne e si sia diretto verso gli ospiti stranieri.

Testimoni citati da media locali riferiscono che l’uomo, un giovane di circa 20 anni che indossava jeans e maglietta nera, avrebbe gridato “State lontani, non voglio egiziani”.

Due delle donne ferite sarebbero di origine ceca e una terza avrebbe le nazionalità russa e ucraina ma le informazioni al riguardo sono ancora frammentarie e a volte contraddittorie (in un primo tempo sembrava che le vittime fossero tutte ucraine).

Nel gennaio del 2016 tre turisti erano stati pugnalati nella stessa città da due simpatizzanti dello Stato islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.