Navigation

Azzerare entro il 2050 i gas a effetto serra, ma...

L'obiettivo: portare il saldo netto delle emissioni a effetto serra a zero, senza vietare i combustibili fossili Keystone / Ida Guldbaek Arentsen

Il Consiglio federale ha adottato oggi, mercoledì, il controprogetto direttoLink esterno all’iniziativa popolare “Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)”. Un saldo netto pari a zero delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2050, senza però vietare i combustibili fossili: questi, in estrema sintesi, i contenuti del testo adottato “tenendo conto del ‘no’ popolare alla revisione della legge sul CO2 dello scorso 13 giugno”.  

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 agosto 2021 - 18:00
tvsvizzera.it/mrj con Keystone-ATS

Il Governo, pur condividendo gli stessi obiettivi dell’iniziativa, ritiene che essa si sia spinta troppo lontano su alcuni aspetti. Per questo motivo, oltre alla sostenibilità sociale, l’Esecutivo – viene precisato in una nota – intende considerare anche la situazione particolare delle regioni discoste e di montagna, meno ben servite dai trasporti pubblici rispetto alle aree urbane.

Per l'Esecutivo, la sicurezza nazionale non può essere compromessa a favore del clima: esercito, polizia e servizi d’intervento devono poter continuare a usare i carburanti fossili in caso di necessità per gli interventi di protezione e di salvataggio.

Contenuto esterno


Il Consiglio federale intende inoltre lasciare aperta la possibilità di compensare in Svizzera o all'estero con serbatoi di diossido di carbonio le emissioni di gas serra ancora presenti nel 2050 (anno in cui la Confederazione non dovrà emetterne più di quanto i serbatoi naturali e tecnici ne possano assorbire). Questo poiché il potenziale di stoccaggio permanente dell'anidride carbonica in Svizzera è limitato da condizioni quadro tecniche, economiche, ecologiche e sociali. La ricerca dovrà inoltre fare in modo che vengano garantite la necessaria innovazione ed evoluzione tecnologica.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.