Navigation

A Londra il ristorante dove tutto è stampato

Le pentole, i mestoli, le stoviglie, ma anche gli ingredienti e il cibo servito: tutto è realizzato con stampanti 3D di ultima generazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 agosto 2016 - 20:57

Il ristorante di domani, a Londra, è realtà. Qui tutto è completamente e rigorosamente realizzato con stampanti 3D: gli ingredienti, le pentole, i mestoli, fino ad arrivare al cibo servito.

In principio era la nouvelle cuisine. Poi è arrivata la cucina molecolare. Il futuro della ristorazione è tecnologico, automatico, meccanizzato. Non più cucinato ai fornelli, ma realizzato con stampanti 3D. L'hi-tech in un boccone, un computer al posto delle classico ricettario.

La nuova frontiera della gastronomia si presenta a Londra, dove è stato inaugurato il primo ristorante in 3D. Non solo tavoli, sedie, posate ma anche - anzi soprattutto - il cibo: tutto rigorosamente uscito da stampanti di ultima generazione.

La cene tecno-gourmet è composta da nove portate di ingredienti classici, rivisitati e reinterpretati secondo un gusto futurista. Un'esperimento dal sapore di provocazione, presto bissato in numerose altre capitali del mondo.

"La stampante 3D applicata al cibo", spiega il fondatore di Food Ink, Antony Dobrzensky, "così come quella che si usa nei processi manifatturieri, è solo il passo successivo di una costante evoluzione. È un progresso logico, dettato dalla convenienza, l'efficenza, e l'efficacia. Con questi strumenti è possibile fare cose che gli uomini possono solo immaginare".

I cibi escono da una stampante speciale, caricata, anziché con la resina, con ingredienti freschi ridotti in pasta - dalle verdure ai grassi, dalle farine alle carni - garantendo impiantanti d'autore.

"Possiamo avere nel piatto tutti gli elementi nutritivi che vogliamo: le vitamine, i minerali, l'omega", assicura Nina Hoff, amministratore delegato di ByFlow. "Possiamo elaborare composizioni estremamente personalizzate. Se una persona, per esempio, ha bisogno di proteine per sviluppare i muscoli, possiamo realizzare una ricetta su misura".

Finora applicata a diversi settori, dal campo medico a quello del design, per la prima volta la potenzialità della tecnologia 3D si concentra sull'alta gastronomia, finendo per sostituirsi a forni e fornelli: il gusto di domani è oggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.