Navigation

A Ginevra un "incontro cordiale" tra Svizzera e USA

L'incontro tra Washington e Berna ha fatto da apripista a quello più importante di mercoledì tra Joe Biden e Vladimir Putin Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Atterrato a Ginevra con l’Air Force One nel tardo pomeriggio di martedì, il presidente statunitense Joe Biden è stato accolto dal capo di Stato svizzero Guy Parmelin e dal suo vice Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli Affari esteri. È poi seguito un incontro tra la delegazione statunitense - composta da Biden e dal segretario di Stato USA Anthony Blinken - e quella elvetica - composta da Parmelin, Cassis e dalle segretarie di Stato Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch (economia) e Livia Leu (esteri). 

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2021 - 21:59
tvsvizzera.it/mrj con Keystone-ATS

Nel corso di un intervento in seguito all’incontro, il presidente elvetico ha fatto sapere di aver ricordato agli Stati Uniti l’intenzione della Confederazione di proseguire le discussioni preliminari iniziate nel 2018 riguardo a un accordo bilaterale di libero scambio. Un’intesa che permetterebbe a Berna e Washington di ampliare ulteriormente le loro “fruttuose relazioni economiche”.

Contenuto esterno

L’inquilino della Casa Bianca, per la prima volta in territorio elvetico dall’inizio della sua presidenza, si è inoltre mostrato interessato all’espansione della cooperazione tra i due Paesi a livello universitario entro la fine dell’anno. 
Le discussioni, durate circa mezz’ora, hanno portato anche sui due jet da combattimento di produzione USA (F-35 Lighting e F/A-18 Super Hornet) che la Confederazione potrebbe acquistare, anche se, ha precisato Parmelin, non è stata fatta nessuna promessa. 
Infine, il Commander in Chief statunitense ha ringraziato la Svizzera per aver rappresentato gli interessi degli USA in Iran, Paese con il quale Washington non ha rapporti diplomatici da diverso tempo. 

Contenuto esterno

Un primo incontro che è stato definito cordiale, nonostante qualche tempo fa il successore di Donald Trump avesse parlato della Confederazione come di un paradiso fiscale, e che fa da apripista a quello più importante che si terrà mercoledì: il colloquio tra Biden e il capo di Stato russo Vladimir Putin. Colloquio che avrà inizio alle 13 e che durerà 4-5 ore e al quale non seguirà una conferenza stampa congiunta: i due capi di Stato hanno deciso di esprimersi separatamente.

Contenuto esterno

In una Ginevra blindata, il livello di allerta è al massimo, ma questo non ha impedito a un piccolo gruppo di persone di manifestare in maniera pacifica contro Vladimir Putin, al quale chiedono di liberare i prigionieri politici attualmente in carcere e in particolare Alexei Navalny.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.