Navigation

"Spira Mirabilis", il film che divide a Venezia

Quattro le storie raccontate: un documentario che è un omaggio alla ricerca infinita

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 settembre 2016 - 20:47

È stato definito come il film più ermetico del Lido, una poesia unica e ipnotica, non omologata. Ma è stato anche il film che ha svuotato le sale del Lido perché molti spettatori se ne sono andati prima della fine della proiezione.

"Spira Mirabilis", il documentario italo-svizzero realizzato da Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, in concorso a Venezia, ha diviso pubblico e critica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.