Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

"Lei le sue figlie se le può scordare"

Il matrimonio fallisce, i bambini vengono affidati a uno dei genitori. Ma se l'altro coniuge vive all'estero, è concreto il rischio di rapimento.

Un genitore rapisce i suoi figli e li porta all'estero, per l'altro, per quello che rimane, inizia un calvario che può durare mesi, e anche anni. Annic contraddistinti da sofferenza, rabbia e senso di impotenza.

Il primo racconto è quello di Karin. L'ex marito prende con sé le figlie per una vacanza: non le riporterà più. Le due bambine sono state portate in Egitto. Lei ha chiesto aiuto a Berna e le autorità svizzere le hanno risposto "lei le sue figlie se le può scordare".

Poi c'è la storia di Jacqueline una donna ticinese scappata dalla Serbia perché il marito la picchiava. La Svizzera l'ha obbligata a riconsegnare il figlio di soli 11 mesi a quell'uomo violento perché accusata di rapimento internazionale di minori.

Ed infine la vicenda di Laura, ormai una donna, ma che all'età di 4 anni fu rapita dal padre per un anno. Le emozioni vissute durante l'assenza e soprattutto quelle del rapporto ritrovato con la mamma.

Il reportage è di Anna Bernasconi.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box