Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

"A Aleppo la crisi è appena iniziata"

uomo traina un carretto tra le macerie di Aleppo

Aleppo, come Varsavia dopo la Seconda guerra mondiale.

(Keystone)

Nella città siriana non si spara più, ma il futuro è più incerto che mai. La Radiotelevisione svizzera ha incontrato Ibrahim Alsabagh, parroco di Aleppo, a Lugano per presentare il suo libro.

Sette anni di guerra hanno lasciato tracce indelebili ad Aleppo. Nella città e nelle anime. "Il 75% di Aleppo è distrutta, come Varsavia dopo la Seconda guerra mondiale. Otto persone su dieci non hanno lavoro, vi è una povertà assoluta", spiega Ibrahim Alsabagh, parroco della comunità latina di San Francesco d'Assisi nella città siriana.

"Non si prevede un futuro. C'è una generazione di bambini che è nata e cresciuta sapendo solo distinguere i tipi di missili che stanno per cadere", afferma ai microfoni della RSI padre Alsabagh, che ha appena pubblicato un nuovo libro, intitolato 'Viene il mattino'Link esterno.

(1)

Aleppo, la testimonianza di padre ibrahim alsabagh

tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 3.6.2018)

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box