Navigation

È iniziato lo sciopero dei benzinai in Italia

Lo scontento è iniziato quando il Governo ha abolito lo sconto sulle accise, definendo così l'aumento dei prezzi del carburante. Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved

Dalle 19 sulle strade ordinarie e dalle 22 di martedì 24 gennaio sulle autostrade non sarà possibile fare il pieno per 48 ore. È la risposta degli esercenti all'aumento delle accise sul carburante.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2023 - 22:10
tvsvizzera.it/MaMi con agenzie

"Noi non abbiamo truffato. E allora perché dobbiamo pagare questa tassa? Mettere un cartello costa qualche migliaio di euro. È una tassa! Perché dobbiamo pagarla? Cosa abbiamo fatto di male?". Vincenzo ha un distributore di carburante a Roma. Poco prima di chiudere il suo esercizio per partecipare allo sciopero dei benzinai, si racconta all'agenzia ANSA. Ed è inviperito col governo italiano.

"Danno la colpa a noi - dice - quando sono loro che hanno aumentato le accise, sono loro che hanno aumentato il prezzo della benzina! Il carburante è salito perché il governo ci ha messo le tasse sopra. Ma visto che la gente era incavolata, hanno detto che la colpa era nostra, che facevamo la speculazione. Era una balla, ma dovevano dar la colpa a qualcuno. Si sono inventati che dobbiamo esporre il cartello col prezzo medio, così non possiamo truffare. Ma quale truffa! Noi non abbiamo guadagnato niente con questi aumenti, prendiamo 3 centesimi al litro. È lo stato che guadagna con le tasse, e poi dà la colpa a noi".

Al TG della RSI, il collegamento con Roma:

Contenuto esterno

In effetti, il ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica ha reso noto che i prezzi dei carburanti, dopo l'eliminazione al primo gennaio del taglio delle accise, sono aumentati meno dell'aumento delle imposte... "Ecco, lo vede!", sbotta. "Era una balla che noi speculavamo. Sono loro che hanno aumentato le tasse! Ma poi dovevano scaricare la colpa su qualcuno, e allora hanno scelto noi!".

Dalle 19 di martedì 24 gennaio sulla rete stradale ordinaria e dalle 22 sulle autostrade, in tutta Italia i distributori di carburanti saranno chiusi per sciopero, ricordano le organizzazioni di categoria Faib, Fegica e Figisc-Anisa in una nota.

"Il governo, invece di aprire al confronto sui veri problemi del settore, continua a parlare di 'trasparenza' e 'zone d'ombra' solo per nascondere le proprie responsabilità e inquinare il dibattito, lasciando intendere colpe di speculazioni dei benzinai che semplicemente non esistono", affermano gli organismi in una nota odierna. "Ristabilire la verità dei fatti diviene quindi prioritario, per aprire finalmente il confronto di merito".

Gli impianti di rifornimento carburanti - compresi i self service -, precisano le tre associazioni dei distributori, abbassano le serrande per 48 ore consecutive.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?