Navigation

È iniziata la raccolta firme per "salvaguardare la neutralità svizzera"

Per la modifica costituzionale ci vogliono 100'000 firma valide. © Keystone / Peter Klaunzer

L'iniziativa vuole impedire l'adesione della Confederazione ad alleanze militari e limitare l'adozione di sanzioni contro gli Stati in guerra.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2022 - 13:15
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS

I promotori dell'iniziativa popolare "Salvaguardia della neutralità svizzera (Iniziativa sulla neutralità)" hanno tempo fino all'8 maggio 2024 per raccogliere le 100'000 firme necessarie. Lo ha indicato oggi la cancelleria federale.

La proposta di modifica costituzionale, di cui il primo firmatario è il consigliere nazionale democentrista zughese Thomas Aeschi, mira a rafforzare la neutralità armata della Svizzera e a impedire l'adesione della Confederazione ad alleanze militari. Anche l'adozione di sanzioni contro Stati belligeranti è limitata.

Contenuto esterno

Sempre in data odierna, l'associazione Pro SvizzeraLink esterno - nata recentemente dalla fusione di Azione per una Svizzera indipendente e neutrale (ASNI), No alla strisciante adesione all'UE e Associazione degli imprenditori contro l'adesione all'UE - ha presentato in conferenza stampa i motivi che l'hanno spinta a lanciare il testo.

L'attuale politica estera della Svizzera si limita a adottare le misure prese a livello internazionale, ha sottolineato il presidente del comitato d'iniziativa, il consigliere nazionale Walter Wobmann (UDC/SO). Berna ha ad esempio ripreso in pieno le sanzioni dell'Unione Europea (UE) contro la Russia, suscitando le ire dei suoi partner commerciali, ha proseguito il solettese.

Queste misure per Wobmann si basano però su una mentalità "da capro espiatorio e da buoni e cattivi". "Joe Biden, Vladimir Putin, Volodymyr Zelensky si sono resi conto che la neutralità svizzera è morta e sepolta. La nostra credibilità nell'offrire buoni uffici è svanita".

Per la studente di diritto Stephanie Gartenmann "la Svizzera non deve concentrarsi sul conflitto ucraino. Non deve seguire ciecamente gli altri. Non deve essere un burattino dell'UE o degli Stati Uniti". Ricordando che nel mondo sono molte le guerre in corso, Gartenmann ha sottolineato come la neutralità svizzera deve poter permettere di stipulare contratti di pace.

Con il loro testo, gli iniziatori vogliono dunque "garantire la neutralità della Svizzera". "Dobbiamo fissare i limiti di ciò che possono fare il Consiglio federale e il Parlamento", ha spiegato Florence Sager-Koenig, avvocata e membra di Pro Suisse.

Il contenuto dell'iniziativa

Nel dettaglio, l'iniziativa - tra i cui promotori figurano anche i leghisti Antonella Bignasca Danzi e Lorenzo Quadri e l'ex consigliere nazionale zurighese Hans-Ueli Vogt, candidato alla successione di Ueli Mauerer in governo - vuole iscrivere nella costituzione un nuovo articolo, il 54a. Questo precisa che "la Svizzera è neutrale" e che la sua neutralità è "permanente e armata". In questo modo la Confederazione "potrà prevenire e risolvere conflitti e offre i propri buoni uffici in qualità di mediatrice".

Viene inoltre precisato che "la Svizzera non aderisce ad alleanze militari o difensive". Una collaborazione con queste alleanze è ammessa unicamente se la Confederazione dovesse subire una aggressione militare o in caso di atti preparatori.

Il teste prevede anche il divieto per la Svizzera di partecipare a scontri militari tra Stati terzi. Berna non dovrà neppure adottare misure coercitive non militari nei confronti di Stati belligeranti, ad eccezione delle sanzioni ONU e dei provvedimenti volti a impedire l'elusione di sanzioni non militari adottate da altri Paesi.

Attualmente, la Costituzione prevede che il Consiglio federale e l'Assemblea federale vigilino sul mantenimento della neutralità. I diritti e gli obblighi di uno Stato neutrale sono precisati principalmente nelle Convenzioni dell’Aia del 18 ottobre 1907, indica sul suo sito il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).
 




I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?