Navigation

Furti di frontiera

Preparano il colpo e poi agiscono a notte fonda. Il loro obiettivo sono i bancomat, li fanno saltare con l’esplosivo. L'approfondimento della trasmissione Falò. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2019 - 20:27
Roberto von Flüe e Marco Dalla Fiore, Falò RSI
Quello che restava del bancomat di Coldrerio il giorno dopo l'assalto, nel novembre del 2018. Keystone

Sono furti che possono fruttare parecchio e finora per quelli messi a segno in Ticino non sono stati effettuati arresti. Ma da chi sono formate le bande specializzate in questo tipo di colpi? Come fuggono e dove si dirigono? 

Per rispondere a queste domande siamo andati lungo la frontiera al seguito delle forze dell’ordine che presidiano il territorio, sia in Svizzera che in Italia. Un lavoro di prevenzione che negli ultimi anni ha permesso di ridurre il numero di furti e rapine.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.