criminalità e politica Antonino Di Matteo e il "patto sporco" Stato-mafia

Antonino Di Matteo

Il magistrato Antonino Di Matteo a Milano.

RSI-SWI

​​​​​​​

Incontro con il magistrato anti-mafia palermitano Antonino Di Matteo che a Milano ha parlato del "patto sporco".

Antonino Di Matteo ha collaborato alle indagini di importanti casi legati a Cosa Nostra, come le stragi di capaci e di Via d'Amelio in cui morirono i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. 


Un altro filone che l'ha visto in prima linea è stato quello della famosa trattativa Stato-mafia, successiva alle due stragi. Tutte attività che lo avevano messo sulla lista dei magistrati da eliminare di Toto Riina.

Dal 1993 Antonino Di Matteo è sotto scorta. Il Ministero dell'interno gli voleva assegnare il blindato Lince per proteggerlo adeguatamente ma il presidente dell'Associazione magistrati di Palermo ha rifiutato.

A Milano il giudice siciliano, sempre in conflitto con i politici di ogni schieramento per le sue costanti critiche al loro operato, è venuto per parlare del "patto sporco" che ha già avuto una coda processuale.  

Parole chiave