Coronavirus Italia, tra scuole chiuse, eventi sospesi e nuovi contagi

Rispetto a martedì, mercoledì sono stati registrati quasi 600 nuovi contagi. Dall'inizio dell'epidemia, in Italia sono 3'089 le persone che hanno contratto il virus. Di queste, 107 sono decedute (+28) e 276 sono guarite (116 in più rispetto).

Piazza del Pantheon a Roma completamente deserta.

Una Roma cosi vuota e silenziosa è un fatto davvero raro.

Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Il numero delle vittime in Italia corrisponde al 3,47% del totale dei contagiati da coronavirus. La percentuale dei guariti è invece dell'8,49%.

A causa dell'emergenza coronavirus il governo italiano ha deciso la chiusura di scuole e università in tutto il Paese da giovedì fino a metà marzo. E ancora: sospensione in tutto il paese, come già accaduto per le zone rosse, di manifestazioni ed eventi "di qualsiasi natura" e "in qualsiasi luogo"; partite e competizioni sportive, compresa la serie A, a porte chiuse; sport di base che non si ferma ma solo a condizione che vengano rispettate le raccomandazioni dell'Istituto superiore di Sanità.

Intanto l'Oms ha reso noto che il coronavirus causa "una malattia più grave dell'influenza stagionale: a livello globale, circa il 3,4% dei casi riportati di Covid-19 è deceduto mentre l'influenza stagionale generalmente uccide molto meno dell'1% di quelli infetti". "Mentre molte persone in tutto il mondo hanno accumulato immunità ai ceppi stagionali" questo "è un nuovo virus a cui nessuno è immune".

Il resto dell'Europa

Per quanto riguarda l'estensione dell'epidemia in Europa, la Polonia ha annunciato mercoledì il primo caso di contagio sul suo territorio e L'Ungheria i suoi primi due. Sono invece saliti a 262 i casi positivi al test del coronavirus in Germania, mentre la Francia ne conta 286 confermati, in aumento di 73 rispetto a ieri e con un bilancio dei morti fermo a 4. 

In Gran Bretagna si è registrata un'accelerazione dei casi accertati da coronavirus: oggi sono saliti a 85 - ben 34 in più del dato di ieri, il balzo più vistoso nel Paese dall'inizio dell'emergenza - secondo l'aggiornamento quotidiano del ministero della Sanità britannico. Aumentato notevolmente anche il numero dei test, giunti a quota 16'659 in totale, ossia oltre 2500 in più rispetto a ieri.


Situazione difficile in Iran

In Iran si è appreso che il ministro dell'Industria Reza Rahmani è risultato positivo a test compiuti nelle ultime ore. In precedenza era stata colpita la vicepresidente Masoumeh Ebtekar e diversi alti funzionari, oltre ad almeno 23 parlamentari. I contagi complessivi confermati sono 2.336 e le vittime 77.

Nel pomeriggio di mercoledì hanno fornito i dati aggiornati anche gli Stati Uniti: i casi accertati di coronavirus sono almeno 130 di cui almeno 6 nella città di New York. Fermo a 9 il numero dei decessi, tutti nello stato di Washington dove ci sono attualmente 27 casi come in California

Per gli infettivologi, intervistati dalla rivista Nature, L'epidemia di Covid-19 è solo agli inizi e potrebbe proseguire molto a lungo, come mostrano le epidemie del passato. Gli sforzi - dicono - devono ora concentrarsi sul contenimento, per isolare i focolai che stanno comparendo in diversi Paesi. E questa è una delle ragioni per cui ancora non è stata dichiarata la pandemia.