Navigation

Alcuni farmaci cominciano a scarseggiare

Le scorte di analgesici, antibiotici e narcotici negli ospedali sono sotto forte pressione. Per evitare rotture di stock, l'approvvigionamento è ora gestito a livello federale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2020 - 21:23
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 6.4.2020)
In questo periodo le farmacie dei reparti degli ospedali si svuotano molto rapidamente. © Keystone / Gaetan Bally

Alcuni medicinali sono utilizzati in queste settimane fino a sei volte più del solito negli ospedali svizzeri. La forte domanda e il fatto che alcuni di questi farmaci siano prodotti in Asia stanno creando molti grattacapi.

Il Governo federale ha però preso le cose in mano e venerdì scorso ha deciso una serie di misureLink esterno che danno maggiori competenze alla Confederazione per tutto quanto concerne l'approvvigionamento di materiale medico.

Contenuto esterno

I cantoni, gli ospedali, nonché i fabbricanti e i distributori di medicamenti sono così ora tenuti a notificare regolarmente le loro scorte di determinati farmaci all'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico.

È poi compito di questo ufficio controllarne la distribuzione a seconda dei bisogni delle strutture sanitarie.

In questo modo, la disponibilità di queste importanti medicine dovrebbe essere assicurata almeno fino alla fine di aprile.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.