Navigation

Banche svizzere in fuga dalla City?

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 20 giugno 2017 - 20:37
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 20.6.2017)

Mentre sono partite le trattative tra Regno Unito e Ue sulla Brexit le banche svizzere, riunite oggi a Berna, si interrogano sul futuro della piazza finanziaria londinese e molti istituti di credito hanno iniziato a ridurre la loro presenza nella City.

La capitale britannica finora svolgeva un ruolo fondamentale per gli operatori elvetici, penalizzati dalle restrizioni all'accesso al mercato europeo. Infatti oltre ad essere un approdo strategico mondiale, Londra era la porta d’ingresso al mercato continentale.

La maggior parte delle 280 banche svizzere hanno una succursale e solo UBS e Credit Suisse impiegano oltre 11'000 persone in riva al Tamigi.

Ma dal 2019 per operare nell’Ue gli istituti elvetici dovranno rivolgersi altrove. In quest’ottica sono destinate a diventare ambite le piazze di Germania e Olanda e se anche Londra resterà un centro importante, perderà di attrattiva per la finanza rossocrociata ma anche europea. Nel servizio del TG le valutazioni di alcuni rappresentanti delle società elvetiche.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.