confine Mobilità transfrontaliera, più parcheggi a Ponte Chiasso


Un centro commerciale, una nuova piazza e soprattutto un autosilo da 1'400 posti sono destinati a cambiare la mobilità a ridosso della frontiera di Chiasso.

I due progetti che coinvolgono il quartiere comasco di Ponte Chiasso sono stati illustrati negli scorsi giorni dal dirigente all’urbanistica Giuseppe Ruffo alla commissione consiliare della città lariana che si occupa dell’assetto del territorio.

Le aree interessate sono terreni industriali dismessi, ex Lechler e ex Albarelli, che si trovano a poco più di un centinaio di metri dalla dogana ma tutta la zona sarà oggetto di riqualifica.

Le novità riguardano anche la mobilità transfrontaliera. Sono infatti previsti un collegamento diretto alla stazione di Chiasso, la cui banchina verrà allungata verso l’Italia, e terminal di bus e taxi.

Ma soprattutto l’accresciuta disponibilità di parcheggi nei pressi dello scalo ferroviario potrà incentivare un numero cospicuo di lavoratori frontalieri a lasciare il mezzo privato e a utilizzare il treno, a tutto beneficio della viabilità nel Ticino meridionale, confrontato con costanti congestionamenti del traffico soprattutto in certe fasce orarie.

Le autorità lariane promotrici del piano intendono ora coinvolgere la popolazione e a questo scopo saranno organizzate assemblee pubbliche. I tempi di realizzazione quindi non sono per il momento ancora certi.

Parole chiave