Navigation

C'era una volta la sinistra in Italia

In Italia il Partito Democratico prende atto della debacle delle comunali e, dopo i risultati dei ballottaggi che segnano la sua netta sconfitta nelle consuete roccheforti come Massa, Pisa, Siena e Terni, comincia a discutere su come provare a ripartire. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2018 - 11:36
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


L'ex ministro Carlo Calenda è drastico ed apre ad un 'fronte repubblicano': "La navigazione a vista sta portando il centrosinistra all'irrilevanza proprio quando l'Italia ne avrebbe più bisogno", scrive. E aggiunge: "Ripensare tutto: linguaggio, idee, persone, organizzazione. Allargare e coinvolgere su un nuovo manifesto. Andare oltre il Pd. Subito!". 

Ripensamento complessivo

Sì ad un ripensamento, no al superamento del partito è invece la posizione del segretario ad interim ("reggente") Maurizio Martina. "Sono d'accordo sul ripensamento complessivo - afferma -, abbiamo tanto da cambiare nei linguaggi e nelle idee ma non sono d'accordo sul superamento del Pd. Credo nella ricostruzione di un campo progressista, democratico di centrosinistra con un Partito democratico rinnovato al centro".

Successo del centrodestra

La tornata elettorale appena conclusa registra, dunque, un netto successo del centrodestra, trainato dalla Lega che si conferma anche nei ballottaggi la prima forza della coalizione. Più magro il bottino del M5S che comunque può contare su due conquiste di peso: Avellino, dove il candidato pentastellato Vincenzo Ciampi strappa la cittadina al centrosinistra, e Imola, ex roccaforte del Pd. A Ragusa invece il M5S viene sconfitto: il Comune passa a Fratelli d'Italia e tanto basta alla presidente del partito Giorgia Meloni per sentenziare che "le roccaforti rosse non esistono più". 

Movimento 5 stelle

I pentastellati restano comunque alla guida, tra gli altri, di Pomezia e Assemini. A Roma vittoria di Giovanni Caudo, ex assessore della giunta Marino, che diventa presidente del III Municipio. Il centrodestra si impone a Viterbo, mentre la sinistra trionfa nell'area metropolitana della Capitale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.