Commercio al dettaglio Fatturato record per i prodotti bio nel 2020

Banco di mercato visto da vicino, con verdure, legumi e bandierina con marchio Bio Suisse

Ogni svizzero/a, nel 2020, ha speso in media 445 franchi per prodotti alimentari dell'agricoltura biologica.

© Keystone / Martial Trezzini

Il consumo di prodotti alimentari dall'agricoltura biologica in Svizzera è aumentato del 19,1% nel 2020, rende noto mercoledì Bio Suisse. Una crescita parallela a quella delle vendite nel commercio al dettaglio. La quota di mercato bio è salita però al 10,8% (era del 10,3% nel 2019) e il consumo pro capite a 445 franchi (377). In tutto, i consumatori hanno speso nel 2020 3,8 miliardi di franchi per questo tipo di derrate (3,2 nel 2019).

La chiusura di ristoranti e mense ha portato le persone a cucinare a casa, mentre quella delle frontiere a fare la spesa in Svizzera, si legge in una nota Link esternopubblicata per la conferenza stampa annuale.

In questo contesto favorevole, la quota di consumatori che acquista prodotti biologici più volte alla settimana è risultata del 55%.

Contando anche le imprese che si sono riconvertite all'agricoltura biologica a inizio 2021, sono 7450 i produttori affiliati a Bio Suisse (principale organizzazione del settore, dacché il totale delle fattorie bio in Svizzera è di circa 8'000). Nel complesso, coltivano 172'090 ettari di terreno (+2730).

Un'impresa agricola su 6

La più alta quota di fattorie che coltivano secondo le direttive di Bio Suisse si registra nei Grigioni, dove a esporre la gemma (marchio) è il 63,2% del totale. A livello nazionale, la proporzione è del 16,1% delle aziende (16,5% della superficie agricola utile).

Bio Suisse si impegnerà ora affinché la quota di biologico cresca in un settore dove non è ancora protagonista: la ristorazione.

Nel servizio RSI, un breve raffronto internazionale.

Iniziative acqua e pesticidi

Non poteva mancare un riferimento alle iniziative popolari in votazione il prossimo 13 giugno, 'Acqua potabile pulita e cibo sano' e 'Per una Svizzera senza pesticidi sintetici'. Il presidente di Bio Suisse Urs Brändli si rallegra che la società "possa confrontarsi con testi che si occupano dell'agricoltura biologica e di una produzione alimentare senza pesticidi di sintesi".

Bio Suisse ha già espresso il suo sostegno all'iniziativa sui pesticidi mentre deve ancora emanare una raccomandazione di voto per quella sull'acqua.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (31.03.2021)

Parole chiave