Navigation

Commercio al dettaglio, sarà un anno difficile

Per il 2015, con l'abbandono della soglia minima di cambio euro-franco, è previsto un calo del giro d'affari del 2,1%; è la maggior contrazione degli ultimi 35 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2015 - 22:17

Il commercio al dettaglio sta vivendo in Svizzera un momento difficile: il centro di ricerche BAK Basel prevede per il 2015 un calo del giro d'affari del 2,1% rispetto all'anno precedente, ossia 2 miliardi di franchi.

È la maggior contrazione delle vendite degli ultimi 35 anni. Dovuta certamente alla crisi, ma soprattutto -indica l'istituto- all'abbandono della soglia minima di cambio franco-euro, deciso dalla Banca nazionale svizzera lo scorso gennaio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.