Navigation

Stabio verso la mobilità aziendale sostenibile

Contenuto esterno


È stato presentato venerdì a Stabio un piano interaziendale di mobilità sostenibile. Un software individuerà soluzioni alternative all’automobile per circa tremila lavoratori. Partecipano al progetto nove aziende, il Cantone e l’Associazione industrie ticinesi (AITI).

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2017 - 20:20
tvsvizzera-it/ri con RSI (Quotidiano del 25.08.2017)

Il Dipartimento del territorio del Canton Ticino e gli industriali, dopo mesi di tensioni provocate dalla Tassa di collegamentoLink esterno, si sono riavvicinate proprio sul terreno della mobilità. Il piano per il comparto di Stabio ha l’obiettivo di diminuire code e ingorghi a vantaggio delle aziende, dei dipendenti e dell'ambiente.

Obiettivo riduzione del 20%

Il progetto coinvolge tremila lavoratori in un’area che ne conta cinquemila. Dipendenti che, per raggiungere il posto di lavoro, percorrono mediamente 24 chilometri in 46 minuti, producendo grossomodo 6,5 milioni di chilogrammi di CO2 l’anno.

ll piano si pone come obbiettivo principale la riduzione del 20%, entro il marzo del 2019, del traffico pendolare, dei parcheggi e delle emissioni.

I fondi per la mobilità sostenibile 

Per progetti di mobilità aziendale il Canton Ticino ha stanziato 2 milioni di franchi. Finora, ne sono stati spesi circa 350’000. Prossimamente, il Dipartimento del territorio farà un bilancio delle misure intraprese.

 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.