Navigation

Cronaca di una frana annunciata

Sono passati quasi tre mesi dalla gigantesca frana che il 23 agosto scorso ha colpito la Valle Bregaglia; quattro milioni di metri cubi di roccia sono precipitati a valle dal Pizzo Cengalo trascinando con un sé una colata detritica che ha invaso il paese di Bondo. Il bilancio è pesante: otto escursionisti morti e oltre un centinaio di sfollati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2017 - 10:30
Paola Santangelo, Falò RSI
Contenuto esterno


A Bondo passo dopo passo, opera dopo opera, si sta pian piano tornando alla normalità. C'è però un fronte che ancora fa parecchio discutere: quello sugli interventi di messa in sicurezza della Val Bondasca prima della caduta della frana. Bisognava insomma sbarrare ogni accesso e chiuderla completamente? Falò  torna sulla frana che lo scorso 23 agosto ha cambiato la vita agli abitanti di Bondo e commosso tutta la Svizzera e non solo. Anche, appunto, con domande che continuano a chiedere una risposta.

Falò, con immagini esclusive, entra nel villaggio fantasma e nelle case invase dal fango. Il reportage segue la vita di chi ha dovuto scappare, abbandonando tutto dietro di sé e poi alcune domande: se la frana era inevitabile, non si doveva sbarrare la valle? Non si sarebbe dovuto evacuare il paese? Interrogativi aperti di cui abbiamo discusso con il Consigliere di stato grigionese incaricato del dossier, Mario Cavigelli. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.