Navigation

Calais, continua nella calma lo sgombero della Giungla

Nei prossimi giorni le forze dell'ordine francesi potrebbero però confrontarsi con i reticenti, ossia coloro che vogliono assolutamente raggiungere il Regno Unito

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2016 - 12:52

Continua a Calais lo smantellamento della Giungla. Solo ieri sono stati trasferiti un terzo dei migranti presenti, ovvero circa 2300 persone tra le quali 400 erano minorenni. Un risultato raggiunto nella calma - e tutt'altro che scontato - anche se nei prossimi giorni le forze dell'ordine francesi potrebbero confrontarsi con i reticenti e cioè quelli coloro che vogliono assolutamente raggiungere il Regno Unito. I migranti - finora ricollocati - erano infatti per lo più volontari.

E anche questa mattina centinaia di migranti si sono messi in coda, volontariamente, in attesa di un bus diretto verso uno degli 80 centri per migranti di Francia che accoglieranno gli sfollati di Calais. Al termine del primo giorno di smantellamento, erano stati ricollocati oltre 2300 persone, ossia circa un terzo degli abitanti della Giungla. E di questi, 400 erano minorenni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.