Navigation

Il virus avanza nuovamente in Svizzera

Buone notizie, invece, in Ticino e Grigioni, dove per il terzo giorno consecutivo non si segnalano né nuovi contagi né decessi. Keystone / Pablo Gianinazzi

Sono 58 i casi di Covid-19 confermati nelle ultime 24 ore in Svizzera. Lo rende noto l’Ufficio federale di sanità pubblica nel suo bollettino giornaliero. Da giovedì non si registrano decessi, che rimangono a quota 1’682.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 giugno 2020 - 21:24

I casi registrati nelle ultime 24 ore si riferiscono a test eseguiti dall'inizio della settimana. Lunedì vi sono stati 55 positivi, martedì 37 e mercoledì 57. In totale quindi 149 nuovi contagi nel giro di soli tre giorni. Un dato che non si vedeva dalla prima settimana di maggio, alla viglia della riapertura delle scuole obbligatorie.

Un numero che conferma la tendenza, seppure lieve, a un aumento dei contagi, mentre i decessi sono fermi a 1'682.

Ticino e Grigioni

Nelle ultime 24 ore non sono stati registrati nel canton Ticino né contagi né decessi. I casi totali dall'inizio della pandemia di Covid-19 in Ticino restano quindi stabili a 3’327. Fermo a 350 anche il numero di decessi registrati (l’ultimo è stato il 12 giugno). Il totale dei pazienti dimessi dagli ospedali invece è di 910.

Altra giornata caratterizzata da numeri stabili anche nei Grigioni dove i contagi dall'inizio della pandemia sono 851 (un dato che non subisce variazioni dal 23 giugno), mentre i decessi 50 (l’ultimo risale al 10 giugno).

Sulla situazione, vediamo il servizio del telegiornale.

Contenuto esterno


SwissCovid, l'applicazione ha successo

Nel suo primo giorno di operatività, giovedì, l’app SwissCovid è stata attivata su 566’894 dispositivi mobili. Lo ha reso noto l’Ufficio federale di statistica che monitora il numero totali di utenti attivi per giorno, in modo da valutare quanto la popolazione utilizzi il nuovo strumento che consente di ricostruire le catene di contagio.

L’app si può scaricare da Apple Store e da Google Play Store. L’applicazione, tramite una notifica, avvisa del potenziale rischio per la salute gli utenti che l’hanno scaricata sul proprio smartphone e che si sono trovati per un certo lasso di tempo nei paraggi di un contagiato, a condizione ovviamente che anche questi l’avesse installata sul suo cellulare.

In caso di una positività, il servizio medico cantonale invia alla persona infetta il cosiddetto codice Covid da immettere nell’app scatenando il processo che permette di allertare i contatti.


tvsvizzera.it/fra con RSI

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.