Navigation

Il vaccino di AstraZeneca "è sicuro ed efficace"

Per l'Ema il vaccino di AstraZeneca è sicuro ed efficace. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved

L'Agenzia europea per i farmaci ha dato il suo via libera al vaccino di AstraZeneca. Per la sua direttrice, Emer Cooke, il vaccino è "sicuro, efficace, i benefici sono superiori ai rischi".

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2021 - 20:49

Per la commissione clinica dell'Ema - ha aggiunto - il vaccino di AstraZeneca "non può essere associato a un incremento degli eventi di trombosi". Tuttavia un legame con i rari casi tromboembolici non può essere escluso e perciò occorre avvertire di queste possibilità, ha spiegato la Cooke in una conferenza stampa. 

Da parte sua la presidente della Commissione di farmacovigilanza (Prac) dell'Ema Sabine Straus ha sottolineato che i casi di trombosi dopo la somministrazione del vaccino "sono inferiori" a quelli che avvengono tra la popolazione non vaccinata. E ha aggiunto che "i benefici del vaccino di AstraZeneca continuano ad essere molto superiori ai rischi. La commissione sulla sicurezza dell'Ema non ha trovato prova di problemi di qualità o sui lotti".

Italia, le vaccinazioni riprendono

 "Il governo italiano accoglie con soddisfazione il pronunciamento dell'Ema sul vaccino di AstraZeneca. La priorità del Governo rimane quella di realizzare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile". Così il premier Mario Draghi. Il ministero della salute ha precisato che le vaccinazioni riprenderanno venerdì dalle ore 15.
 

Vaccinando milioni di persone, è inevitabile che si verifichino "casi inattesi"

Emer Cooke, Ema

End of insertion

25 casi su 20 milioni di vaccini

Vaccinando "milioni di persone, è inevitabile" che si verifichino "casi inattesi", quindi la situazione verificatasi con AstraZeneca "non è imprevista", ha ancora sottolineato la Cooke. Stando alla Straus "sono stati riportati 25 casi" di eventi tromboembolici rari "su 20 milioni di vaccinati" con AstraZeneca. "Fino a ieri, gli eventi sospetti (...) sono stati sette in Germania, tre in Italia, due in Norvegia, uno in Spagna, oltre a tre nel Regno Unito e due in India". 

"Approfondiremo ulteriormente" tutti gli eventi sospetti, ha affermato la Straus. Gli studi dell'Ema sui casi tromboembolici rari - ha aggiunto - ha mostrato un'incidenza più alta in alcuni gruppi, in particolare nelle donne più giovani, ma è abbastanza prematuro trarre le conclusioni su gruppi specifici. 

"C'è sempre una distinta possibilità" di eventi tromboembolici "per le donne che assumono la pillola anticoncezionale - ha ricordato -. Indagheremo il legame tra l'uso della pillola e la possibilità di un aumento dei rischi di casi avversi per chi viene vaccinato. Anche "fumare è un fattore di rischio per la trombosi" e analizziamo anche questo aspetto nella nostra indagine.

Il ministero della salute italiano precisa che le vaccinazioni riprenderanno venerdì.

End of insertion

In ogni caso, ha detto la presidente della Prac, il foglietto illustrativo del siero "deve essere aggiornato: è importante che venga comunicato al pubblico e agli operatori sanitari perché apprendano meglio queste informazioni, permettendo loro di mitigare questi effetti collaterali".

"Dobbiamo usare questi vaccini"

Alla domanda se gli Stati dovrebbero riprendere ad usare il siero di AstraZeneca la Cooke ha risposto che "dobbiamo continuamente ricordarci in quale situazione ci troviamo, in questa pandemia. Abbiamo vaccini sicuri ed efficaci, li dobbiamo usare".

"Molti Stati membri - ha proseguito - stanno aspettando il risultato di questa revisione sulla sicurezza" del vaccino AstraZeneca, "hanno indicato che ciò che l'Ema fa dal punto di vista scientifico è molto importante per loro per prendere una decisione su come continuare con le vaccinazioni. Oggi stiamo mantenendo la nostra promessa". 

"La nostra responsabilità è di giungere a una conclusione circa il fatto che i benefici superino o meno i rischi in modo che possano prendere una decisione informata e aumentare la fiducia nel vaccino", ha aggiunto la la direttrice dell'Ema.

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI
 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.