Accordi di Dublino Bruxelles, migranti irregolari ospitati nelle case

Dopo la chiusura del campo profughi di Calais, Bruxelles è confrontata ancor più con la crisi dei migranti. Alcuni abitanti ospitano in casa i profughi per evitare che la polizia li trovi e, in virtù degli accordi di Dublino, li rimandi (nella maggior parte dei casi) in Italia. Il braccio di ferro tra associazioni umanitarie e governo non accenna a diminuire. Il reportage della Radiotelevisione svizzera.


Parole chiave