A Pyongyang Nuovo incontro tra le due Coree

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in è a Pyongyang per un summit di tre giorni con il leader nordcoreano Kim Jong-un. Il vertice nella capitale del Nord è il terzo incontro tra Kim e Moon dopo quello storico del 27 aprile e quello del 26 maggio, a poche settimane dal vertice di Singapore del 12 giugno tra Kim e il presidente americano Donald Trump. 


Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha accolto insieme alla moglie Ri Sol-ju ai piedi della scaletta dell'aereo della Presidenza sudcoreana l'arrivo del presidente sudcoreano Moon Jae-in e la consorte Kim Jung-sook.

Dopo le presentazioni e la rassegna del picchetto d'onore i due leader hanno guadagnato le auto per dare vita al corteo che si è diretto a Pyongyang.

Il summit nella capitale del Nord è - come detto - il terzo incontro tra Kim e Moon dopo quello storico del 27 aprile e quello del 26 maggio. 

Per altro verso, si tratta del terzo summit intercoreano a Pyongyang dopo quelli del del 2000 e del 2007 che coinvolsero gli allora presidenti di Seul Kim Dae-jung ("padre" della Sunshine Policy con il Nord) e Roh Moo-hyun. Entrambi furono ricevuti da Kim Jong-il padre dell'attuale leader.

Moon è arrivato a Pyongyang un'ora dopo il decollo avvenuto dalla Seoul Air Base di Seongnam alle 8:55 locali (1:55 in Svizzera), portando con sé una delegazione di circa 110 persone, tra imprenditori, ministri e staff presidenziale, che si sono aggiunte alle quasi 90 che domenica hanno raggiunto il Nord via terra per lavorare agli ultimi preparativi in vista del summit, soprattutto di tipo logistico.

Parole chiave