Navigation

Picasso 'blu e rosa' in gran mostra a Basilea

Due visitatrici ammirano 'La toilette' (1906) KEYSTONE

Si apre domenica alla Fondazione Beyeler di Riehen, nel canton Basilea Città, la mostra 'Il giovane Picasso – periodi blu e rosa'. Presenta 75 opere dell'artista spagnolo realizzate tra il 1901 e il 1906, oltre a una trentina di dipinti appartenenti alla collezione basilese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2019 - 21:00
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 02.02.2019)

Pablo Picasso, che visse tra il 1881 e il 1973, riempie oggi l'intero museo di Riehen. L'esposizioneLink esterno, visitabile fino al 26 maggio, è la più prestigiosa e costosa mai realizzata dalla Fondazione, ha rivelato il direttore Sam Keller nel presentarla alla stampa.

Non solo gli spazi del Museo non sono mai stati interamente dedicati a un solo artista, ma in Europa -riferisce Keller- mai prima d'ora era stato possibile ammirare una gamma di tale densità e qualità dei periodi blu e rosa di Picasso.

La mostra ha richiesto quattro anni di preparazione. I 75 dipinti hanno un valore assicurativo di circa 4 miliardi di franchi e i prestiti provengono da 28 musei e 13 collezioni private di 13 Paesi. Il catalogo di 304 pagine è il più consistente nella storia della Beyeler.

Contenuto esterno

Il tema principale dei dipinti dei periodi blu e rosa è l'immagine umana. Picasso, ventenne in cerca di nuovi temi pittorici e nuove forme espressive, comincia nel 1901 dalla fase blu. Dominata dalla malinconia, è uno sguardo sulle persone ai margini della società.

I dipinti del periodo rosa, dal 1905, presentano il mondo del circo: acrobati, giocolieri e arlecchini, che incarnano la vita dei bohémien.

La Fondazione possiede inoltre 33 opere di Picasso, presentati nella sezione 'Picasso Panorama', che è concepito come un omaggio ai fondatori del Museo Ernst e Hildy Beyeler, che furono amici di Picasso. Alla presentazione della mostra, venerdì, era presente il figlio del pittore, Claude.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.