Navigation

#meravigliedellasvizzera - L'eremo nella roccia

Nel canton Friborgo, a picco sul fiume Sarine, c’è un luogo che sembra uscito da un altro mondo: si tratta dell’antico eremo di Santa Maddalena scavato direttamente nella roccia. La grotta è opera di Jean Dupré, un contadino della Gruyère, che nel 17esimo secolo decise di diventare eremita e volle costruire un luogo come mai non se n’erano visti prima.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2021 - 10:00
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

Dupré scavo a mano, insieme al suo aiutante Johannes Liecht, una galleria di 120 metri di lunghezza, un dedalo di corridoi, stanze, anticamere, scalinate, terrazze e anche una chiesa con tanto di campanile (un tunnel verticale di 20 metri di lunghezza). Un’opera monumentale che iniziarono nel 1680 e terminarono nel 1708. La scelta del luogo non è stata causale: la roccia grigio-verdastra (chiamata molassa) è abbastanza solida per non crollare ma anche abbastanza friabile per poter essere scavata.

Fino all’avvento della dinamite l’eremo è stato uno dei monumenti di questo genere più grandi d’Europa e ancora oggi è la grotta artificiale più grande della Svizzera.

L’ultimo eremita visse qui fino al 1906, anno in cui venne assassinato da un senzatetto. Un crimine che fece scalpore all’epoca. Da allora la grotta è rimasta inabitata.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.